Calcio Napoli

Mavy Alvarez denuncia: “Ho pensato di uccidermi per colpa di Maradona”

La donna denuncia abusi che sarebbero stati compiuti dal giocatore argentino

Mavy Alvarez denuncia abusi che sarebbero stati compiuti da Diego Armando Maradona, sarebbero avvenuto quando era minorenne. Ora la donna ha 36 anni e dopo la morte di Maradona decide di denunciare quando accaduto a Cuba. Mavy Alvarez denuncia Maradona per dei fatti accaduti quando lei aveva 15 anni ed il giocatore argentino si stava disintossicando a Cuba, protetto dall’amico Fidel Castro. Le parole di Mavy Alvarez sono durissime e raccontano una storia davvero terrificante, ma che non è stata ancora accertata dalle autorità. Fatti davvero inquietanti, anche se non sono i primi che vengono fuori dopo la scomparsa di Maradona.

Parlando in diretta Tv Mavy Alvarez denuncia Maradona e lo fa portando alla luce documenti, biglietti aerei e certificati medici di quando sta dicendo. Parla di violenze perpetrate ai suoi danni quando era ancora minorenne, che sarebbero state compiute dall’ex calciatore. “Ho pensato più volte di uccidermi. Mi coprì la bocca per non farmi strillare e abusò di me. Avevo paura di Fidel e Diego: ma ora sono morti” dice la donna.

Una denuncia quella di Mavy Alvarez contro Diego Armando Maradona che è ricca di particolari. La donna durante una trasmissione tv dice che Maradona aveva pensato di portarla a “Bueons Aires chiusa in un baule, ma poi incontrò Castro. Perché parlo adesso? Perché in questo momento mia figlia ha 15 anni, ovvero più o meno l’età in cui io conobbi Diego, vorrei aiutare le donne che si trovano nella mia stessa situazione ed evitare che accadano altre cose simili“. Insomma non c’è pace per la memoria di Diego Armando Maradona. Anche sulla morte dell’ex Pibe de Oro c’è ancora una inchiesta in corso, si pensa che l’ex calciatore in maniera naturale ma sia stato ucciso. Molte polemiche sono sorte anche sulla spartizione della sua eredità e su chi ne abbia realmente diritto.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.