Varie-Calcio

Ziliani: “Koopmeiners 60 milioni, Calafiori 40. Juventus scatenata sul mercato, ma c’è un ma: non c’è una lira e bisogna solo vendere”

Secondo Paolo Ziliani, la Juventus chiuderà il bilancio 2023-24 con un passivo di 200 milioni. Giuntoli cerca di vendere i big, ma gli alti stipendi complicano le trattative.

TORINO – La situazione economica della Juventus appare sempre più preoccupante. Come evidenziato dal giornalista Paolo Ziliani, il club bianconero si appresta a chiudere il bilancio 2023-24 con un passivo di circa 200 milioni di euro, ben oltre i limiti imposti dal Fair Play Finanziario. Una situazione che rischia di compromettere non solo il mercato estivo, ma anche il futuro europeo della Vecchia Signora.

Perdite record e sanzioni UEFA

Secondo quanto riportato da Ziliani, la Juventus ha accumulato perdite per 320 milioni di euro negli ultimi due esercizi (2022/23 e 2023/24), una cifra ben al di sopra dei 60 milioni consentiti dal settlement agreement stipulato con l’UEFA. “Sarà certamente esclusa dalle coppe europee nella stagione 26/27?”, si interroga il giornalista.

Giuntoli al lavoro per vendere, ma gli alti stipendi bloccano il mercato

In questo contesto, il neo-direttore sportivo Cristiano Giuntoli si trova di fronte a una sfida ardua: vendere i big per fare cassa e alleggerire il monte ingaggi. Tuttavia, gli alti stipendi dei giocatori più pregiati, come Vlahovic (24 milioni lordi), Szczesny (13 milioni) e Chiesa (10 milioni), rendono difficile trovare acquirenti disposti a accollarsi tali costi.

“Ammesso che esista un club disposto a ingaggiare Vlahovic e a riconoscergli lo stesso stipendio che la Juventus si è impegnata a corrispondergli, questo club potrebbe farsi avanti solo a condizione di limitare al minimo la spesa del cartellino”, sottolinea Ziliani.

I casi Rabiot, Arthur e Danilo

La situazione non migliora con altri giocatori in rosa. Rabiot, ad esempio, era sul mercato a parametro zero un anno fa, ma nessun club si fece avanti a causa dei 7 milioni netti di ingaggio. Discorso simile per il 33enne Danilo (4 milioni netti) e per Arthur, il cui stipendio può toccare i 9 milioni con i bonus.

Ironia sui “colpi” di mercato

Ziliani ironizza sui titoli di giornale che accostano alla Juventus nomi altisonanti come Koopmeiners (60 milioni) e Calafiori (40 milioni), mentre a Nyon “i componenti del CFCB, l’organo di controllo finanziario dell’UEFA, sfogliano la Gazzetta, Tuttosport e il Corriere dello Sport e si divertono un mondo”.

In conclusione, la Juventus si trova in una situazione di stallo, con un bilancio in profondo rosso e un mercato bloccato dagli alti ingaggi dei suoi giocatori. Giuntoli dovrà fare i salti mortali per vendere e risollevare le sorti economiche del club, ma la strada appare tutta in salita.

Juventus in crisi: bilancio in rosso e mercato bloccato - Ziliani

Resta sempre aggiornato sulle ultime notizie riguardanti il calcio Napoli e la cultura napoletana. Napolipiu.com è stato scelto anche dal nuovo servizio di Google News, quindi se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie, seguici su Google News.

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.