Tutto Napoli

Insigne, Reina e l'autogestione

LORENZO INSIGNE E PEPE REINA

Di: Francesco Pollasto

la questione è semplice: Lorenzo pensa  di dover giocare sempre ed in qualsiasi squadra non è un cannibale, è un epicureo, vuole giocare, è irresponbabilmente sfacciato un aspetto che giova per molti versi e altri meno non subìsce pressioni ma allo stesso tempo è irriguardoso di tutto è un Cristiano Ronaldo con la metà del talento non si discute, inutile fargli chiedere scusa, lui oggi pensa che il Napoli è lui + 10 e non gli fai cambiare idea il resto ce lo mette Sarri che col suo atteggiamento riduce il turnover alla stregua di: “buoni e cattivi” una personale gestione della rosa, ma anche più affidabile nell’immediato diciamo che è l’uovo oggi.

Ricordate quando si osannò l’autogestone? questa è l’altra faccia ingombrante della medaglia quando i giocatori si sentono responsabili e padroni del proprio destino vanno anche a briglia sciolta mettersi nelle mani del calciatori ha frutti immediati ma alla lunga ne sei ostaggio e onestamente la pantomima di Reina a fine partita, che prende Mertens in maniera plateale  ad ostentare la sua leadership populisticamente, non mi piace, io amo i leader silenziosi che parlano dentro Reina mi sembra prigioniero compiacente di un ruolo per me è un grande portiere e questo basta.

Noi siamo tifosi affettuosi e anche morbosi ma non venirci ad accarezzare come una tribù siamo napoletani, non un popolo da abbindolare essere napoletano è anche orgoglio reale per la mia terra. Non è fare il coro per un’ora ma è tutelare il nostro sentimento e la nostra cultura il peluche lo vai a sventolare altrove .

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.