Le IntervisteTutto Napoli

Hamsik al corriere: “Volevo la Cina per i soldi. Il campionato lo abbiamo perso noi. Il messaggio di Sarri…”

Marek Hamsik al corriere dello sport ha parlato del Napoli, di Sarri e Ancelotti e del nuovo ruolo da regista: “Volevo la Cina per i soldi”.

HAMSIK AL CORRIERE

Marek Hamsik, capitano del Napoli, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Lo slovacco ha toccato molti temi importanti: Ecco uno stralcio

Se n’era andato ormai: cosa l’aveva spinto verso la Cina?
“Diciamo la possibilità di sistemare definitivamente la famiglia. Avevo già dato una indicazione: se entro la data del ritiro non fosse successo, non ci sarebbero state più altre possibilità. La scadenza era il 9 luglio. E comunque non era la prima volta, questa, in cui nasceva una possibilità del genere”.

Ma precisamente come è andata?
“Verso maggio viene fuori questa possibilità e io ne parlai immediatamente con Aurelio De Laurentiis. Ho con lui un rapporto speciale e diretto, penso che sia noto, e non potevo che informarlo”.

La sua reazione?
“Ma ndo’ …vai, questa è casa tua?”

Crede che questo mese d’incertezza, con annessa la possibilità d’un addio, possa aver cambiato il suo rapporto con la città?
“Né il mio con la gente, né quello dei tifosi con me. L’orgoglio e il senso di appartenenza da parte mia non sono evaporati nel nulla; e l’affetto di questi giorni è stato eguale e anzi superiore a quello del passato”.

Come vi siete lasciati, lei e Sarri?
“Normalmente”.

Vi siete sentiti?
“No, ma è stato carino: il primo giorno del ritiro mi ha mandato un messaggio come capitano del Napoli, e mi ha chiesto di diffonderlo anche ai compagni di squadra, in cui ci faceva gli auguri per il futuro”.

Le ultime tre lei le ha cominciate dalla panchina e non le è andata giù.
“Confermo. Ma credo che non piace a nessuno. E comunque quelle tre panchine consecutive mi hanno fatto male”.

Vi ha fatto più male la partita in televisione (Inter-Juve) o quella vostra in campo?
“Il campionato, più che vincerlo la Juventus lo abbiamo perso noi. Non faccio congetture, perché non credo a queste cose. Ma in quel week-end si sono miscelate due situazioni che hanno contribuito a demoralizzarci. E’ vero che abbiamo avvertito il mondo caderci addosso”.

Carlo Ancelotti le ha consegnato la regia.
“Mi incuriosisce molto. E mi intriga anche. E’ una nuova esistenza, mi ci calo con interesse e con ottimismo”.

Cristiano Ronaldo

“Ora loro più forti? Un giocatore, uno solo, non vince mai niente. Anche se sei il più forte al mondo… Rettifico: se non sei Maradona, non vinci da solo”.

De Laurentiis: “Mendes ha proposto Ronaldo al Napoli. In tre anni farò uno stadio e un centro sportivo”

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.