napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Giaccherini contro Sarri: “non ha vinto nulla. Ancelotti poterà mentalità vincente. Ho mandato un sms…!

Giaccherini contro Sarri. L’ex esterno del Napoli ha parlato di Maurizio Sarri e Carlo Ancelotti: “Sarri non ha vinto nulla. Ancelotti poterà mentalità vincente. Ho mandato un sms a De Laurentiis…”.

NAPOLI- Emanuele Giaccherini contro Sarri. L’esterno del Chievo Verona ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Si gonfia la rete, trasmissione di approfondimento sui temi caldi in casa Napoli in onda sulle frequenze di Radio CRC:

“Lavorare con mister Maurizio Sarri è stato un po’ frustrante. Non ho mai contestato nessuna decisione o fatto polemiche, ma non è facile allenarsi sempre al 100% per poi puntualmente non giocare. Sarri è un grandissimo allenatore, tra i migliori in circolazione, però… Non voglio mettere il dito nella piaga, ma quando alleni una grande squadra l’importante è la gestione. Guardate la Juve: ha tanti giocatori in grado di fare la differenza, sì, ma in determinate partite non serve spremere sempre gli stessi”. 

ANCELOTTI

“Carlo Ancelotti? La sua carriera parla da solo, ha vinto ovunque. Certi allenatori ti danno subito l’impronta vincente, la mentalità: esattamente ciò che al Napoli, oggi, serve come il pane. Sarri, se guardi il suo curriculum, non ha mai vinto niente”.

RAPPORTO CON DE LAURENTIIS

Aurelio De Laurentiis? Il rapporto tra noi è buono. L’estate scorsa gli ho scritto via SMS per dirgli che volevo giocare, era il mio desiderio. Il presidente mi ha sempre detto di ritenermi importate per lo spogliatoio. C’è stima reciproca, affetto. Ringrazio il patron per avermi sempre fatto sentire importante.”.

RITORNO A NAPOLI?

Sono a Verona, presto andrò in vacanza in attesa di trovare un accordo col Napoli per restare al Chievo: qui ho trovato l’ambiente ideale per chiudere la carriera. A chi dedico il mio gol più bello in gialloblù? Gol importante, bellissimo: la dedica va alla mia famiglia, mi è sempre stata vicina quando ero depresso a Napoli, non per la città ma per aspetti professionali. Amo Napoli, ma professionalmente avevo le ali tarpate”. 

Ancelotti può convincere Benzema e Vidal. Chiesa, offerti 50 milioni.

CONSIGLIATI PER TE