Rassegna Stampa

Gazzetta – ll Napoli del futuro si basa su quattro calciatori, ecco chi sono

Aurelio De Laurentiis sta progettando il Napoli del futuro a cominciare dalla stagione calcistica 2021/2022 in tanti andranno via

Aurelio De Laurentiis sta progettando il Napoli del futuro a cominciare dalla stagione calcistica 2021/2022 in tanti andranno via.

Il Napoli del futuro poggerà su basi solide, ma anche su meno senatori aprendo di fatto un nuovo ciclo per la società azzurra che ha deciso di cambiare ancora più profondamente volto. Ecco quanto riferisce Gazzetta dello Sport:

Un futuro tutto da scrivere. Nel senso che di sicuro ci sarà l’addio dell’allenatore Gattuso. Dunque la scelta del tecnico sarà fondamentale per capire strada da prendere e strategie. Il club comunque dovrà procedere al taglio del monte ingaggi, che ha superato i 100 milioni e dunque per forza di cose saranno più le uscite pesanti degli (eventuali) ingressi di prestigio. Sul portiere la società punta su Meret che sarà fra i capisaldi del futuro Napoli con Zielinski, Osimhen e Lozano.

In questo Napoli bisogna capire ovviamente anche il futuro di Lorenzo Insigne. Il giocatore vuole restare in maglia azzurra, ma per ora non trova l’accordo per il rinnovo di contratto. Andranno via invece Maksimovic, Hysaj e Mario Rui, mentre sono da valutare le cessioni molto probabili di Koulibaly e Fabian Ruiz. I due calciatori sono richiesti dalle big europee e possono portare molti soldi per il rilancio del progetto di De Laurentiis. Fuori dal nuovo progetto c’è anche Bakayoko, il centrocampista ritornerà al Chelsea, era stato voluto fortemente da Gattuso ed ora con l’addio del tecnico calabrese non verrà riconfermato, anche perché le sue prestazioni sono sotto la media. Anche Lobotka non convince e si cercherà di venderlo, stesso destino di Ospina che non ha problemi di ingaggio ma ha buone offerte da Turchia ed Emirati Arabi.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.