De Laurentiis: “Alcuni tifosi si sono scagliati contro di me e Inglese…C’è un coattismo cerebrale”

Alcuni tifosi sul web si sono scagliati contro De Laurentiis e Inglese. Il,presidente del Napoli parla a vero o falso su kiss kiss Napoli.

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è intervenuto su Radio Kiss Kiss Napoli nella  rubrica “Vero o Falso“. Tanti i temi affrontati dal numero uno azzurro, specie in ottica mercato.

IL TERZINO: ARIAS O SABALY

“Arias e Sabaly? Non arrivano entrambi, ne arriverà solo uno. Chi vivrà vedrà. Ochoa o Bardi? Abbiamo una limitazione sugli extracomunitari, è una limitazione che esiste solo in Italia, c’è un coattismo cerebrale, si pensa che limitando gli extracomunitari si massimizzano i risultati della Nazionale italiana, ma abbiamo visto cosa ha fatto l’Italia, ha puntato su un allenatore che io in Serie C avevo esonerato dopo soli due mesi”.

GRASSI

“Grassi resta in Italia o va in Spagna? E’ molto stimato, in Spagna hanno più soldi da spendere, i tre club italiani che lo vogliono hanno il braccino corto. Non voglio cederlo, ma c’è la possibilità di un prestito alto con diritto e contro riscatto”.

TIFOSI HANNO OFFESO DE LURENTIIS E VERDI

“Piace Oberlin? Falsissimo, in attacco siamo in abbondanza. Addirittura alcuni stolti tifosi napoletani si sono scagliati sul web contro di me ed Inglese, è un ragazzo con un’enorme forza morale, è tornato ad allenarsi dopo un’improvvisa morte familiare ed ha anche segnato. Inglese piace tantissimo ad Ancelotti e mi ha chiesto a cena di non cederlo, il tecnico mi ha confermato che farà giocare tutti. In attacco abbiamo Mertens, Milik, Inglese e Verdi, abbiamo un grande reparto offensivo. Perché dovrebbe arrivare qualcuno dal Basilea? Falso, falsissimo. A meno che non sia un investimento da comprare e mandare in prestito di cui non mi ha ancora parlato Giuntoli. Ounas incedibile? E’ vero”.

https://www.youtube.com/watch?v=F9l0dk9vw7Q

Altre storie
Ancelotti-Insigne pace fatta. Decisivo l'intervento di Raiola
Confronto Insigne-Ancelotti a Castel Volturno, c’è anche Raiola