Serie A

Clamoroso. Tentato illecito, il Parma rischia la serie A

Il Parma rischia la serie A. L’accusa è di tentato illecito in merito agli sms inviati da Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo ai giocatori dello Spezia.

ROMA – La Procura della Figc, guidata dall’ex Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, ha chiuso le indagini sul Parma in merito agli sms inviati da due giocatori del club emilano, Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo, ai colleghi dello Spezia Filippo De Col e Alberto Masi prima dell’ultimo match del campionato di Serie B, terminato 2-0 per i ducali.

TENTATO ILLECITO

L’accusa è di tentato illecito ed è dunque scattata la procedura per il deferimento del Parma che rischia anche di perdere la Serie A appena conquistata. “.

LA NOTA DEL PARMA CALCIO

In una nota, il club emiliano, ha voluto precisare alcuni punti:

  • “Il Parma Calcio 1913 “apprende con sgomento e sconcerto le notizie di stampa riguardanti l’asserito deferimento per la presunta violazione dell’art. 7 del Codice di Giustizia Sportiva, che sarebbe stato contestato in data odierna dalla Procura Federale al Club e ai propri tesserati Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo per l’invio di alcuni messaggi di testo ad ex compagni di squadra prima della partita Spezia-Parma.
  • Riteniamo che l’accusa di tentato illecito sportivo, sia sconcertante. Non riusciamo davvero a concepire come testo e tenore dei messaggi in questione possano integrare una fattispecie così grave e siamo convinti che chi dovrà giudicare lo farà nel rispetto delle norme, della giustizia e del buon senso. Il Parma Calcio 1913 continua a nutrire la massima fiducia nella Giustizia Sportiva, ma chiede che la verità venga stabilita nel modo più rapido possibile, per rispetto nei confronti del club e dei suoi tifosi”.
Clamoroso: Ecco la verità sul fallimento del Napoli. Multi-proprietà Parma-Verona… “

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.