ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Cessione Ghoulam: estimatori in Francia, il Napoli ci pensa

cessione ghoulam napoli
Ultimo aggiornamento:

La cessione di Ghoulam è una delle ipotesi in casa Napoli. L’algerino ha estimatori in Francia, come riporta il Corriere dello Sport. 

Cristiano Giuntoli sta sondando il calciomercato in entrata, lo scambio Politano-Llorente riaccende il sogno Ibrahimovic ma il direttore sportivo della SSC Napoli è pronto a valutare anche operazioni in uscita. La cessione di Ghoulam è una di queste ipotesi. Gattuso spera di recuperare l’algerino che dopo la sosta natalizia potrebbe avere qualche chance. Dopo gli infortuni Faouzi Ghoulam non è più tornato il calciatore che tutti conoscevano, quella freccia mancina pronta a dare enormi problemi alle difese avversari. La società ora si trova ad un bivio: cederlo, magari in prestito, oppure continuare a puntare su di lui sperando in una ripresa per il girone di ritorno?

Cessione Ghoulam – La scelta va presa entro breve tempo, anche perché servono idee chiare per affrontare alla grande un mese di gennaio che si preannuncia infuocato. In Francia, intanto, ci sono richieste per l’algerino che piace a Lione e Marsiglia pronte a prelevare il calciatore che nonostante gli infortuni ha molti estimatori. Ed effettivamente se venisse recuperato, mentalmente e fisicamente, allora il colpo Ghoulam sarebbe veramente un affare per chiunque. Ecco perché il Napoli non ha ancora spalancato le porte ad una sua cessione ma durante le prossime settimane si farà una riflessione attenta e quindi saranno tirate le somme. Gli azzurri stanno pensando anche a diverse alternative, si parla di Acuna dello Sporting Lisbona, mentre la pista Rodriguez del Milan pare accantonata. Comprare un esterno di difesa resta una delle priorità del Napoli, che per ora sta concentrando tutta la sua attenzione sul ruolo di centrocampista centrale, un regista o comunque un uomo, come Torreira, che possa dettare i tempi di gioco. Lo chiede Gattuso, serve al suo 4-3-3, modulo sponsorizzato anche da Aurelio De Laurentiis.

Archivi