Calcio NapoliPrimo Piano

Beccantini elogia il Napoli: “Una squadra sola al comando, la sua maglia è azzurra, il suo nome Napoli”

Beccantini elogia il Napoli. L’ex Giurato del pallone d’oro e Juventino dichiarato estasiato dal Napoli di Sarri.

di: ROBERTO BECCANTINI

BOLOGNA-Roberto Beccantini classe 1950, grande firma del giornalismo italiano: ha scritto per Tuttosport, Gazzetta dello Sport e La Stampa. Ex giurato del Pallone d’Oro. Juventino dichiarato elogia il Napoli:

PROMENADE DEL NAPOLI: LA SUA MAGLIA È AZZURRA, IL SUO NOME NAPOLI

Una squadra sola al comando, la sua maglia è azzurra, il suo nome Napoli. Mario Ferretti l’avrebbe raccontata così, la «tappa» Nizza-Napoli. Senza gran premi della montagna, per carità, e con i due gol dell’andata da usare, eventualmente, come copertoni di riserva (non ce n’è stato bisogno).
Il Nizza non è certo la cima Coppi, e nemmeno qualcosa di lontanamente paragonabile, ma l’idea fissa di Sarri l’ha soverchiato e disarmato fin dalla culla. Sneijder è ancora spaesato, e comunque sulla promenade del tramonto, e Balotelli, bè, sempre uguale al giovanotto che ha fatto disperare mezza Europa. Per la cronaca, e per la storia, quando Callejon ha sbloccato il risultato lui era fuori, in senso geografico e oltre.

Beccantini elogia il Napoli. L'ex Giurato del pallone d'oro e Juventino dichiarato estasiato dal Napoli di Sarri.

Altri avrebbero speculato sul risultato del San Paolo il Napoli no!

Pressing alto, difesa a ridosso della metà campo, fraseggio e palleggio: il Napoli della formazione-filastrocca è come il cielo di Lombardia, bello quando è bello. E poi Insigne, in formissima: suo il raddoppio. Altri avrebbero speculato sul risultato del San Paolo, ricavandone magari uno scarto più grasso. Sarri ha trasmesso altre abitudini, altri timbri. Dicono che sia la sua forza e il suo limite.
Siamo ancora ad agosto, e i preliminari hanno costretto a forzare la preparazione. Le somme le tireremo in primavera. Un solo neo, in generale: quella sorta di buonismo sotto porta che ha portato a un palo di Mertens, a una nuvola di occasioni potenziali ma anche, e soprattutto, alla «miseria» di due gol.
La difesa, che ogni tanto si distrae, ha lasciato in compenso poche briciole; e quelle poche, tutte nel finale, ai dribbling di Saint-Maximin, a una saetta di Ganago e a una traversa di Lees-Melou. Per il resto, pedalata sicura e dominio assoluto.
E così saranno tre le italiane nei gironi di Champions: Juventus, Roma, Napoli. Non capitava dalla stagione 2013-2014.

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.