ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Video – Golia e Le Iene chiedono scusa a Napoli. Lista: “Non vogliamo essere più sputtanati”

golia e iene chiedono scusa a napoli
Ultimo aggiornamento:

Giulio Golia e Le Iene chiedono scusa a Napoli, lo fa il giornalista attraverso un video pubblicato sui social in cui ammettono i propri errori.

Ha fatto molto discutere nei giorni scorsi in cui si parlava solidarietà in odore di camorra a Napoli. Il servizio de Le Iene è stato attaccato anche da Gigi Lista che ha avuto anche un confronto proprio con Giulio Golia ed una cameraman. Un confronto acceso, in cui Lista ha cercato più volte di far ammettere le proprie responsabilità a Golia ed a Le Iene difendendo il buon cuore di Napoli. In quella circostanza non è però arrivato il dietrofront, facendo scattare il putiferio sui social.

Oggi Golia e Le iene hanno chiesto scusa a Napoli, il giornalista attraverso un post sui social ha detto: “Molto associazioni, la rete sociale che in questi giorni è stata fantastica, si è sentita offesa da quel servizio e di questo me ne dispiace“.

Golia e le Iene scusa a Napoli: “Abbiamo sbagliato”

Sul sito de Le Iene nella descrizione a margine del servizio è apparsa anche una scritta che è stata molto criticata, è stato un errore. Il sito – dice Golia – non lo gestisco io e non me ne ero accorto“. Con queste parole Golia e Le Iene chiedono scusa a Napoli ed il giornalista chiarisce: “Mi dispiace aver sbagliato a comunicare, quello che volevo veramente dire è che se lo stato non si organizza con aiuti concreti la camorra lo sta già facendo“. Poi aggiunge: “Mi dispiace che in tanti vi siete offesi, io sono napoletano ed orgoglioso di esserlo e leggere sui social gli insulti a me e la mia famiglia mi è dispiaciuto molto“.

Il video delle scuse è stato ripreso anche da Gigi Lista che ora spera in una rettifica del servizio ed avvisa: “Errare è umano, chiedere scusa è importante” ed aggiunge rivolgendosi ai media nazionali: “Vi chiediamo di stare più attenti perché non vogliamo più essere sputtanati, saremo noi a vigilare su di voi“.

Archivi