Sarri: “Contro il Napoli partita particolare. Potrei smettere”

Sarri: "Contro il Napoli partita particolare. Potrei smettere"

Maurizio Sarri in conferenza stampa a Vinovo in vista della sfida con il Napoli, match che si giocherà domenica sera alle 20.45 allo stadio San Paolo. 

SARRI SU NAPOLI JUVENTUS

Non sarà una partita come le altre, non lo sarà né per Sarri né per i tifosi del Napoli pronti a fischiare il tecnico al ritorno al San Paolo. In conferenza stampa Sarri ammette:

Per me sarà una partita particolare. Ma non bisogna correre il rischio di consumare energie per una questione che mi riguarda a livello personale“.

Lo stesso tecnico parla anche del suo futuro: “Dopo la Juventus potrei anche smettere“. Un discorso che chiuderebbe un eventuale ritorno al Napoli, che si era più volte sussurrato nelle settimane scorse.

Intanto il tecnico della Juventus prossima avversaria del Napoli,  ritrova Betancourt giocatore che ci dà “grande equilibrio. Può segnare molto di più e sta cominciando ad inserirsi più spesso in area di rigore”.

Sarri su Napoli e Demme

I fischi del San Paolo non saranno solo per Sarri ma anche per Higuain, attaccante a cui non è stato perdonato il passaggio alla Juventus. Proprio l’argentino potrebbe giocare da titolare.

La scelta non sarà condizionata dall’ambiente” fa sapere Sarri che aggiunge: “Se scenderà in campo da titolare è perché nell’ultima partita è stato straordinario. Se non giocherà titolare è perché avrò fatto altre scelte“.

Sarri sta pensando al tridente con Dybala e Cristiano Ronaldo, ma il dubbio sarà sciolto solo domani. Il tecnico in conferenza stampa parla anche del Napoli di Gattuso e di Demme: “Il Napoli è una squadra molto forte, nonostante il momento di difficoltà. Con Demme in campo ritornano ad avere un riferimento nella zona centrale del campo”.

Chiusura dedicata ai fischi promessi dai tifosi azzurri: “Se lo faranno sarà per affetto. Io ero lì quando la Juventus prese Higuain ed anche in quel caso non erano giusti“.

Archivi