Tutto Napoli

I biglietti di Napoli-Barcellona finiti nella rete del bagarinaggio on line

I biglietti di Napoli-Barcellona finiti nella rete del bagarinaggio on line. Al secondary ticketing prezzi alle stelle: Curve a 239 euro, Distinti fino a 477 euro.

I biglietti per Napoli-Barcellona sono finiti nella rete del bagarinaggio on line. Quando la Ssc Napoli ha messo in vendita i tagliandi per l’attesa sfida Champions contro Messi e compagni, i tifosi del Napoli montarono una protesta on line.

Il dirigente del Marketing della SSc Napoli, Alessandro Formisano, spiegò la politica dei prezzi adottata dalla società di Aurelio De Laurentiis e fece un regalo alla tifoseria per la gara di coppa Italia tra il Napoli e l’Inter di Antonio Conte: Curve a 5 Euro.
Nonostante i problemi iniziali, la prevendita dei biglietti per Napoli-Barcellona è partita in salita, i tifosi non si sono fatti scoraggiare dai 70 euro delle curve e hanno. Secondo quanto riferisce il corriere del mezzogiorno si parla di circa 3000 tagliandi venduti in due giorni di prelazione per gli abbonati.

BAGARINAGGIO ON LINE DEI BIGLIETTI PER NAPOLI-BARCELLONA

Purtroppo come succede per ogni grande evento, anche i biglietti per Napoli-Barcellona sono finiti nella rete del bagarinaggio on line. In pratica, il secondary ticketing. “Ieri, era possibile trovare su alcuni siti di riferimento alcuni tagliandi per i settori più popolari, ma anche per le tribune a prezzi incredibilmente maggiorati”.
Le curve, fissate a 70 euro dal Napoli, erano in vendita a 239 euro, mentre per i Distinti, il cui prezzo ufficiale è 130 euro, si è arrivati a toccare i 477 euro. La Posillipo, messa in vendita a 250 dalla Società, su internet è a 688 euro.

Pochi i biglietti disponibili in internet, spiega il quotidiano, circa un centinaio, ma la speculazione è già iniziata, nonostante ci sia la piena disponibilità di tagliandi acquistabili sui circuiti ufficiali di ticketone e secondo quanto disposto dal Napoli sul proprio sito internet con norme molto rigide sull’utilizzazione di biglietti. I prezzi sono destinati a lievitare sulle piattaforme online, man mano che si avvicina l’evento e comunque vengono sottratti alla disponibilità generale”.

SECONDARY TICKETING

Cos’è e come funziona il secondary ticketing. I bagarini, quelle persone che rivendevano i biglietti di partite, concerti o eventi stanno scomparendo, o meglio ancora si sono evoluti.
L’idea di acquistare e poi rivendere un tagliando a prezzo maggiorato si è trasferita sulla rete creando così il secondary ticketing.
I siti di secondary ticketing. Cosa sono nello specifico? Sono piattaforme online dove sono rivenduti i biglietti acquistati dai canali ufficiali. Una cosa legale, se non fosse per il fatto che il prezzo viene aumentato di diversi punti percentuali. Arrivando, come nel caso dell’attesissima partita Napoli-Barcellona, a maggiorazioni dei biglietti del 500%.
I portali di secondary ticketing continuano a proliferare e a fare scandalo a ogni evento, proprio perché si muovono sul filo della legalità. Se in Italia il secondary ticketing è visto come una piaga, in altri paesi è invece normalmente accettato.
Si tratta di quelli dove il mercato libero è un pilastro della società e la concorrenza una cosa praticata tutti i giorni e non sottoposta a regolamentazione.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.