Social

Gerry Scotti: “Ascierto è stato un signore. Galli poteva evitare di fare il primo della classe…”

Gerri Scotti interviene sulla polemica Galli-Ascierto a Striscia la notizia. Il popolare presentatore si schiera con il luminare napoletano.

Gerry Scotti finisce al centro della polemica in merito al servizio di Striscia la Notizia sul professor Ascierto e il dott. Galli. Il popolare presentatore è stato preso di mira anche sui social con l’accusa di sbeffeggiare e ridicolizzare il nostro Ascierto.

Ai microfoni di radio Kiss Kiss Gerry Scotti ha fornito la propria versione dei fatti, ammettendo di stare dalla parte del professor Ascierto:

“Sulla polemica tra Ascierto e Galli, voglio solo dire che qua non si tratta di fare il tifo per l’uno e per gli altri. Posso fare solo i complimenti, Striscia la Notizia è un giornale satirico e la satira non guarda in faccia a nessuno. A volte, come insegnano i francesi, nemmeno davanti alla morte: deve essere necessariamente cattiva.

Dovessi essere chiamato davanti a Dio a testimoniare, purtroppo ci andrà Antonio Ricci oppure gli autori, non io che sono solamente il lettore di quel momento. Se volete il mio parere da telespettatore Ascierto è stato zitto e si è dimostrato un signore. L’altro virologo da Milano, Galli,  forse poteva fare un passo indietro non fare il primo della classe…”.

Scotti prosegue: “Non essendo io un iperattivo la mia vita non è cambiata molto. Ho degli amici con esaurimento nervoso perché erano abituati a fare tanto durante la settimana. Guardo qualche telegiornale, le partite del Milan del 1970, forse sono arrivate un po’ tardi a toglierci un po’ tutto. Sto a casa! Non fatevi prendere dalla paranoia, abbiamo scorte per andare avanti tranquillamente. Tutto sembra impossibile, ma si supera!

Leggi anche: Pascale primo giorno di sperimentazione del Tocilizumab. Richieste da centinaia di ospedali del Nord

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.