Stadio San Paolo sempre più vuoto? Perché? Cerchiamo di fare due conti.

Dal 2007 al 2017, il Napoli  è passato da neopromossa in Serie A a una delle società più importanti nel panorama calcistico europeo. Ma lo Stadio San Paolo sempre più vuoto? Perché? Cerchiamo di fare due conti.

Di Luca Pollasto

Il Napoli dal 2007 al 2017 

In 10 anni, dal 2007 al 2017, la società guidata da Aurelio De laurentiis è passata da neopromossa in Serie A a una delle società più importanti nel panorama calcistico europeo. La squadra del produttore cinematografico è riuscita a far crescere il valore della rosa da 50,9 milioni di euro a 332,78 milioni di quest’ anno. Una squadra che passo dopo passo è riuscita a costruirsi una nuova storia importante dopo il fallimento del 2004.

Gli azzurri poco alla volta stanno raggiungendo tutti gli obbiettivi, al momento Adl può già esporre in bacheca 2 Coppe Italia e 1 super Coppa Italiana, da qualche anno è costantemente in corsa scudetto, o per lo meno è una delle dirette concorrenti alla lotta del tricolore, dall’ Intertoto del 2008 il Napoli è arrivato a giocarsi la semifinale di Europa Legaue e per due volte è arrivato agli ottavi di Champions, uscendo entrambe le volte contro la vincitrice del più abito trofeo continentale. Siamo di fronte ad una crescita incredibile, poche squadre possono vantarsi una crescita simile, sia di rendimenti che per la qualità della rosa. Gente come Cavani, Lavezzi e Higuain sono solo alcuni nomi dei più grandi giocatori che hanno vestito in questi anni la maglia azzurra. All’ ombra del Vesuvio hanno sostato e sostano tra i più importanti giocatori al Mondo. Si deve dare merito alla dirigenza azzurra per quanto fatto, un lavoro eccellente sotto il profilo tecnico, riuscendo a valorizzare giocatori ed allenatori inesperti e sconosciuti.

Stadio San Paolo sempre più vuoto

Ma ci sono dei dati che non possono non essere presi in considerazione se si vuole cresce anche sotto il profilo del fatturato. Fare un confronto tra i bilanci della SSC Napoli con altre realtà italiane ed europee è un discorso lungo e complicato ma cercheremo comunque  di affrontarlo nei prossimi articoli, quello che vorrei far notare è l’ incredibile inversione di tendenza. Mentre in campo gli azzurri crescono sempre di più, diventando sempre più competitivi in campionato e in Europa, gli spalti dell’ impianto di Fuorigrotta diventano sempre più vuoti.

Negli ultimi due anni con Maurizio Sarri, alla guida del Napoli, oltre ai numerosi record, il Napoli ha sviluppato un gioco divertente, tra i più belli d’ Europa e a dirlo sono i massimi esperti del settore, ma nonostante i risultati positivi e il meraviglioso gioco espresso pare che allo stadio nessuno ci voglia andare, lo Stadio San Paolo sempre più vuoto.

 

Questi sono i dati dalla stagione 2007/2008 alla stagione 2016/2017:

 

Annopartitesold outspettatori totalimedia spettatoriabbonati
2007/08190817.96143.05122 582
08/09191765.76040.30323.000
09/10190870.42845.81217.000
10/11193866.54945.60811 820
11/12190767.87840.41512 000
12/13191753.08039.63610 500
13/14190772.01340.63212500
14/15190621.25932.6988 200
15/16190735.43438.7076 500
16/17190694.58836.5575 200

Da questi dati possiamo notare:

-Anno con più spettatori 09/10 con 870.428 Spettatori, il Napoli arriverà 6° e Ottavi di Coppa Italia.

Anno con meno spettatori 14/15 con 621.259 Spettatori, Il Napoli arriverà 5°, Vincitore della Super Coppa Italiana, Semifinale di Coppa Italia e Semifinale di Europa League.

-Con più abbonati 08/09 con 23.000 abbonati, il Napoli arriverà 12° in Serie A e Terzo turno di Coppa Intertoto.

-Stagione con meno abbonati 16/17 con 5.200 abbonati, il Napoli arriverà 3° in Serie A, Semifinale di Coppa Italia e Ottavi di Champions League.

L’ incredibile numero negativo degli abbonati quest’ anno, è ovviamente dovuto anche dal fatto che la somma dei costi dei singoli biglietti era nettamente più conveniente del singolo abbonamento.

Le differenze erano di 7 euro in Curva, 246 euro nei Distinti, 97 euro in tribuna Nisida e 505 euro in tribuna Posillipo.

Facendo la media dei biglietti nei vari settori quest’ anno non ci sono stati prezzi esorbitanti, la media dei singoli settori è comunque nella media nazionale, parliamo di 18 euro la Curva, 26 euro i Distinti, 37 la Nisida e 52 euro la Posillipo.

Allora perchè abbiamo sempre meno spettatori?

Stadio San Paolo sempre più vuoto? Perché? Cerchiamo di fare due conti.

Ci sono i dati nazionali della Lega che ci spiegano in parte questo problema.

Dobbiamo analizzare 2 punti importanti:

  • Il primo dato dice che la Serie A perde ancora spettatori allo stadio, questo dato negativo ormai viene registrato da diversi anni, ma nonostante il calo nazionale, solo 3 società registrano un incremento positivo rispetto all’ anno precedente e sono Inter +2.4% ed è la squadra che ha portato più tifosi allo stadio, poi abbiamo i cugini rossoneri del Milan con +6.5% e la terza società che ha più tifosi allo stadio è la Juve con un incremento del 3.3%. Tutti gli altri registrano cali rispetto alla stagione precedente, in quarta posizione c’è il Napoli ma segna un -5.6% rispetto alla stagione 15/16.

L’altro dato importante che dobbiamo analizzare è invece sono gli ascolti Tv.

  • (Qui si spiega dove sono finiti i tifosi che non vanno più allo stadio, tutti comodamente sul divano.)
  • La Serie A rispetto alla passata stagione segna un +2.79% di ascolti Tv totali.
  • Gli abbonati di SKY sono aumentati del 2.79% mentre quelli PREMIUM del 6.82%
  • Le squadre più seguite in Tv in ordine di ascolti: Juve, Milan, Inter, Napoli e Roma.
Stadio di proprietà-stadio virtuale

Dobbiamo tener conto che alcune statistiche dicono che le squadre con più tifosi al seguito sono appunto Juve, Milan, Inter, Napoli e Roma. Ovviamente il bacino di utenza delle prime tre è il doppio e triplo di quello del Napoli per tanto riesco sempre a registrate un numero importante sia allo stadio che in Tv.

Uno stadio di proprietà, accogliente, di ultima generazione, con servizi per le famiglie permetterebbe finalmente di riportare i napoletani allo stadio e di schiodarli dal divano, ma sembrerebbe quasi che ADL preferisce tenerli davanti alla tv considerando (stadio virtuale) che buona parte del bilancio azzurro derivi dai diritti televisivi, sempre più alti grazie alle grandi prestazione dei giocatori.

Ricavi Stadio sono stati stati circa 22 milioni di euro mentre nell’ ultimo bilancio mentre i ricavi dai diritti tv sono circa 146 milioni di euro e ovviamente rappresenta quasi la metà del fatturato azzurro.

Conclusioni

Ovviamente questa lunga analisi vuole dire tutto e non vuole dire niente, abbiamo cercato solo attraverso i numeri di capire i motivi che stanno spingendo tante persone a non andare più allo stadio.

Vorremmo un San paolo sempre pieno e sempre più azzurro e non solo nelle partite importanti. Ovviamente  questo ce lo auguriamo per tutte le squadre, i soldi delle Tv rappresentano la più importante entrare economica di una società in Serie A, ma se questo deve portare ad avere sempre più stadi vuoti, allora fermiamoci tutti a riflettere, ok la Pay Tv ma non possiamo lasciare morire la parte più bella del calcio.

Il Napoli come le altre società in Italia devono iniziare ad investire anche in altri settori, devono iniziare a trovare sponsor esteri per supportare la società. In Inghilterra una più equa distribuzione dei diritti Tv ha portato ad arricchire anche le squadre minori che hanno e stanno portando sempre più soldi ed attenzione alla Premier. Il campionato italiano deve iniziare a ragionare diversamente, lo sta facendo in questi anni la Juve, che ha portato a superare i fatturati oltre i 500 milioni di euro, il Napoli è ancora vicino ai 300 milioni, gli azzurri sono ancora lontani dai bianconeri ma che a loro volta solo lontanissimi dai top culb europei.

Fonte: Calcio&Finanza,Transfermarkt, Lega Serie A.

Napoli più © riproduzione riservata

Potrebbe piacerti anche