Rassegna StampaTutto Napoli

Il Mattino: Sarri-De Laurentiis, la pace per vincere. Poi lancia un interrogativo…

Sarri-De Laurentiis, la pace per vincere. Alle sfuriate del presidente Sarri risponde con le prestazioni. Incognita sul futuro del tecnico e una domanda sulla squadra.

Di: Mimmo Carratelli per il Mattino

Sarri-De Laurentiis  torna il sereno.

Dopo il pareggio dell’altra sera con la Juventus, De Laurentiis ha twittato: «Complimenti a tutti, una grande partita». Era stato ugualmente soddisfatto dopo il match di ritorno col Real Madrid.

I messaggi sono il segnale di una tensione abbassata. Avendo il presidente e il tecnico ognuno un bel caratterino, convengono tuttavia che proseguire insieme nel Napoli si può e, aggiungeremmo, si deve. A prescindere dai risultati «concreti» della stagione che sono oggettivamente a rischio (Coppa Italia e secondo posto per la Champions diretta).

Sarri. In una intervista di domenica sera, alla domanda se il suo rapporto col Napoli proseguirà, il tecnico ha detto: «C’è un contratto in essere». Aggiungendo che non «vede» elementi perché venga interrotto. Ma ha chiosato: «Per carattere, vorrei che chi lavora con me sia contento, in particolare il presidente». Allora gli è stato chiesto se De Laurentiis è contento. E Sarri ha risposto, dopo la partita con la Juve: «Stasera era sereno e sorridente».

La pace per vincere ma quale Napoli per il futuro?

La pace per vincere, ma ora la questione è un’altra . Il progetto condiviso da allenatore e presidente è magnifico, incoraggiante e prospettico (per usare un terribile aggettivo di moda). Il Napoli è ricco di gioventù e qualità. Tuttavia,manca ancora qualcosa per schizzare al top. Rimanendo alla «rosa» di quest’anno, non mancano solo un po’ di esperienza più consolidata e una sorta di cinismo nelle partite scorbutiche.

Sulla personalità della squadra, Sarri ha qualche dubbio se sia già sufficiente o deve consolidarsi maggiormente. Certamente,in alcuni dettagli la squadra può ancora crescere. Ma che cosa di «visibile» manca per il saltoin alto? Un giocatore, due giocatori, tre giocatori? Di che tipo e in quali ruoli? E si troverebbero sul mercato anche aldilà di ogni problema economico? De Laurentiis e Sarri dovranno parlarne già da ora pur sotto la pressione di risultati importanti da centrare nell’immediato.

I nomi che circolano per la prossima campagna acquisti, a cominciare dall’atalantino Conti, 23anni, a tutta la«rosa» di giocatori svedesi, multietnici e giovanissimi nel mirino, fanno pensare sempre a quel terribile aggettivo citato all’inizio. Insomma, quando il Napoli passerà da prospettico a squadra vincente?

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.