Napoli e Juve viaggiano su due binari differenti ma De Laurentiis…

Napoli e Juve viaggiano su due binari differenti ma De Laurentiis...

Napoli e Juve viaggiano su due binari differenti. Analisi dei dati tra le due società. Valore della rosa, fatturato, e piazzamenti Europei.

[better-ads type=”banner” banner=”105133″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

NAPOLI E JUVENTUS

Napoli e Juve sempre più distanti, in realtà vedendo la tabella, non si sono mai nemmeno sfiorate. A vederla bene sembrerebbero due squadre che hanno ambizioni diverse, il Napoli sembra quasi una squadra di metà classifica, invece la squadra di Aurelio De Laurentiis nel suo piccolo è riuscita ad aumentare anno dopo anno il valore della rosa.

Napoli e Juve viaggiano su due binari differenti, due velocità differenti, nonostante questo, il Napoli è sempre stato in scia, anche per demerito delle milanesi e delle romane sia chiaro, ma è sempre stato li a disturbare i rivali bianconeri.

Otto anni di vittorie, otto anni senza che nessuno potesse minimamente metterla in difficoltà.

Per due anni il Napoli è stato anche Campione d’ Inverno, per quello che può contare, ma è stato sempre superato a giro di boa. Una maledizione quella che vede il cuccio soccombere alla zebra.

NAPOLI E JUVE CRESCITA

Per anni i bianconeri hanno dominato la scena in Italia e continua a farlo nonostante Aurelio De Laurentiis abbia fatto crescere enormemente la sua squadra.

Ci vorrebbe un miracolo calcistico, come quello del Leicester di Ranieri, ma siamo in Italia e di questi miracoli non se ne vedono più da anni, c’è voluto Maradona  per rompere le catene dell’oppressione, nonostante i 7 anni insieme al più forte giocatore della storia del calcio, il Napoli ha portato a casa solo due scudetti.

MONOTONIA BIANCONERA

Possibile mai che non si riesca a trovare rimedio a questa monotonia bianconera? Negli ultimi 8 anni la Juve e il Napoli hanno aumentato sempre ogni anno il valore della propria rosa, solo in due occasioni c’è stato un freno, dovuto a delle pessime prestazioni della stagione precedente.

DUE CLUB CON VELOCITÀ DIVERSE

Per la Juve nell’ anno 2013/2014, nonostante il tricolore, non riesce a superare la fase a giorni della Champions League, nello stesso girone del Real di Carlo Ancelotti che arriverà fino alla fine e porterà a casa “LA DECIMA”. La Juve andò in Europa League e arrivò fino in semifinale dove uscì contro il Benfica.

L’ anno successivo la Juve, oltre al suo consueto scudetto arrivò in finale di Champions dove perse contro il Barcellona.

Il Napoli conobbe la su frenata nell’anno 2015/2016, dove l’ anno precedente, grazie ad un rigore sbagliato da Higuain contro la Lazio, costrinse gli azzurri al 5° posto e la ripartenza dall’ Europa League. A parte questi due momenti la rosa delle due squadre è sempre stata in netta crescita. Ma mai si sono incontrate. Come i fatturati, sempre in aumento, ma sempre con due velocità diverse.

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

200 MILIONI CONTRO 521 MILIONI

Oggi, dopo 26 giornate, la Juve è a +16 e sembrerebbe anche normale se si calcola che tra la prima e la seconda in classifica ci sono oltre 200 milioni di euro di differenza, mentre tra la prima e l’ ultima ci sono 521 milioni di euro di differenza. M chiedo chi sarà la squadra che interromperà questa noiosa serie di vittorie bianconere? Chi sarà il nuovo Maradona che porterà colore in questo campionato in bianco e nero? Alla Federazione Italiana Giuoco Calcio l’ardua sentenza.

Dati di www.transfermarkt.it