Calcio NapoliTutto Napoli

L’ira di Napoli contro Sarri. I tifosi juventini furiosi sui social

Napoli contro Sarri, il comandante ha tradito. Le bandiere nel calcio non sventolano più. I tifosi juventini scontenti, sognavano Guardiola.



Le bandiere, come dimostra anche il recente caso Totti, nel calcio non sventolano più. «Hasta siempre Comandante», gridavano i napoletani al passaggio di Maurizio «Che» Sarri.

Intitolando al rappresentante del popolo piazze, dipingendo murales, aprendo pagine dedicate al Sarrismo rivoluzionario. Quelle stesse targhe e pagine web che ieri sono state chiuse per la delusione di vedere il rivoluzionario scegliere il potere.

«Hasta (almeno) tres anos Comandante», pensano adesso i tifosi della Juventus.

I fan bianconeri divisi: C’è  chi vive con curiosità e soddisfazione (soprattutto tecnica) il netto cambio di pagina bianconero.

Chi invece accoglie Sarri storcendo il naso e bofonchiano sui social a causa del suo legame con Napoli. Qualcuno ricorda parole e polemiche degli anni in cui ha provato a contendere lo scudetto ad Allegri.

L'ira di Napoli contro Sarri. I tifosi juventini furiosi sui social


L’IRA DI NAPOLI CONTRO SARRI

Sarri non si è mai promesso al Napoli, ma sempre a se stesso. La sfida del Comandante è farsi accettare conquistando gli juventini con gioco e risultati. Come fece con i napoletani, da cui ora è stato ripudiato: a Bagnoli, luogo natale del tecnico, è stata rimossa la targa in suo onore e il mitico gruppo Facebook «Sarrismo, gioia e rivoluzione» si è ufficialmente sciolto.

Persino Massimiliano Gallo, autore di «Maurizio, il Sarrismo: Una meravigliosa anomalia» intende modificare il documentario: «Sarri non è più un’icona, ha detto , dopo aver propugnato l’attacco al Palazzo è andato a lavorare in quel Palazzo».

In queste ore è scoppiata tutta l’ira di Napoli contro Sarri, il comandante per i partenopei era quanto più di vicino a Maradona ci fosse stato negli ultimi anni, invece ha tradito anche lui, piegato al volere del dio denaro.

A Napoli oggi si chiedono, come scrive Elio Goka:

  • Arriverà ancora la rimostranza sugli orari delle partite e sulla loro contemporaneità? Si perderanno ancora “scudetti in albergo”?
  • Varrà ancora la pena di puntare il dito medio contro i tifosi e avere la voglia di scendere dal pullman?
  • Sarri definirà ancora con sarcasmo “certi esponenti della dirigenza juventina” quelli che adesso sono i suoi dirigenti ? Considererà ancora “discutibile” la scelta di Higuain.



JUVENTINI SCONTENTI

L’attesa è durata un mese esatto: il 17 maggio la Juventus ufficializzò il divorzio da Allegri e quegli stessi tifosi che sui social chiedevano l’esonero di Max ora fanno opposizione al Comandante, considerato troppo napoletano e troppo antijuventino.

Per la Juventus non è una seconda scelta, ma l’opportunità di vincere un’ardita scommessa. Chissà che effetto farà a Maurizio tornare allo Stadium, il luogo del delitto, ma stavolta con la divisa bianconera addosso.

Cosa proverà quando tornerà al San Paolo? Oggi tutta Napoli è contro Sarri, tocca ad Ancelotti e De Laurentiis ricompattare l’ambiente e sfidare l’ex comandante!

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.