TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Multe Napoli, sei giocatori in tribunale: ecco chi sono

Lorenzo Insigne multe Napoli

Tiene ancora banco al questione multe al Napoli. Mercoledì 22 gennaio sei calciatori della SSCN si recheranno in tribunale, sono tutti dell’area Raiola. 

 

 

Lorenzo Insigne, Hirving Lozano, Kostas Manolas, Dries Mertens, Arek Milik e Piotr Zielinski sono questi i nomi dei calciatori del Napoli che si recheranno in tribunale domani. Tutti i giocatori sono vicini al procuratore Mino Raiola.

Secondo quanto fa sapere la Gazzetta dello Sport i calciatori attraverso i propri legali hanno chiesto al tribunale di Napoli la ricusazione di Piacci. Questo perché  partecipando in 24 arbitrati diversi, nominati dalla stessa parte (il Napoli) perderebbe la sua figura indipendente di super partes. Diversa la posizione della società che continuerà a sostenere Piacci, in quanto figura non ritenuta di parte.

In questo caos delle multe ai giocatori del Napoli si identifica anche una crisi azzurra, capace di inglobare squadra, società e ambiente. Intanto il tribunale deciderà sulla questione presentata entro il giorno successivo dalla richiesta.

 

Multe Napoli: il caso che destabilizza l’ambiente

Da quel 5 novembre in poi al Napoli è successo di tutto. Tre mesi d’inferno per la squadra azzurra che è riuscita a  superare i gironi di Champions League, ma da lì in poi buio totale.

Ancelotti è stato esonerato, l’arrivo di Gattuso non ha cambiato le carte in tavola. Segno evidente che la questione multe a Napoli ha inciso profondamente.

Ora ci si ritrova con uno spogliatoio spaccato, con giocatori che andranno in tribunale un giorno dopo aver giocato Napoli-Lazio, sfida di Coppa Italia fondamentale per la stagione e l’Europa.

In questo contesto tenere alta l’attenzione, riuscire a giocare liberi di mente non è affatto semplice. Certo questo non può creare alibi, dato che i calciatori sono stati i primi a rifiutarsi di andare in ritiro, quando la decisione della società non poteva essere contestata. La lotta interna a Napoli resta e la pace appare lontana.

 

 

Archivi