Calcio Napoli

Gazzetta – Il Napoli paga il primo stipendio: il piano di De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis oggi paga il primo stipendio di questa stagione ai calciatori del Napoli, lo scrive Gazzetta dello Sport.

Qualcuno aveva sussurrato che i malumori in casa Napoli erano relativi ai mancati pagamenti degli stipendi della nuova stagione. Nulla di irregolare, dato che la società oggi pagherà il primo stipendio e rientra pienamente nei termini previsti. Ecco quanto scrive Gazzetta dello Sport:

Oggi il Napoli provvederà a pagare il primo stipendio della nuova stagione. Staff tecnico e giocatori riceveranno il bonifico relativo agli emolumenti del mese di settembre. Dunque, la società rispetterà l’impegno preso nelle settimane scorse con la squadra e, soprattutto, rispetterà i termini ultimi stabiliti dalla Lega Calcio. Nelle intenzioni di Aurelio De Laurentiis c’è l’idea di versare, entro fine mese, anche lo stipendio di ottobre. E, dunque, rientrerà nei parametri fissati dalle istituzioni del calcio. Discorso a parte, invece, per le spettanze di luglio e agosto. Il club ha trovato un accordo di massima con i giocatori che riceveranno gli stipendi dei primi due mesi della nuova stagione spalmati su quelli dei prossimi dieci mesi. Un compromesso che s’è reso necessario per fare fronte alla crisi che si è aperta nel calcio come nell’intero settore delle imprese. Senza gli incassi, i club hanno perso la maggiore entrata
destinata, spesso, a sostenere la spesa degli stipendi mensili. E considerato che la chiusura degli stadi potrebbe andare avanti ancora per diversi mesi, De Laurentiis ha proposto ai giocatori e allo staff tecnico la dilazione dei due mesi estivi. Il presidente s’impegnerà per pagare, dicevamo, anche il mese di ottobre per la fine di dicembre. Operazione necessaria anche per evitare alla squadra qualsiasi alibi.

NAPOLI SU GOOGLE NEWS

Su Google news tutte le notizie su Napoli, la squadra, la città e la sua storia. Segui ora

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.