ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

I figli di Cavani tiferanno Napoli. Ormai Lucas e Bautista sono napoletani

I figli di Cavani tiferanno Napoli. Ormai Lucas e Bautista sono napoletani

Al San Paolo i figli di Cavani tiferanno Napoli. Lucas e Bautista sono napoletani e il Psg è solo la squadra avversaria da battere per continuare nel sogno Champions.

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”left” show-caption=”1″][/better-ads]

Martedì sera al San Paolo i figli di Cavani tiferanno Napoli, lo rivela il quotidiano La Repubblica. Lucas e Bautista sono napoletani a tutti gli effetti e sono pronti a scatenare tutto il loro affetto per i colori azzurri.
La vita privata di Edinson Cavani non è mai stata al centro del gossip. La passione per il calcio gli è stata tramandata dal padre Luis, che è stato un calciatore professionista in Uruguay.
La stessa carriera del Matador è stata presa da Christian, difensore del Salto, e dal fratellastro Walter Guglielmone.
Edinson è stato sposato per cinque anni con Maria Soledad. I due – che si sono separati nel 2013 – hanno avuto due figli: Bautista (nato nel marzo del 2011) e Lucas (nato nel marzo del 2013). Dopo il divorzio con la moglie, il Matador ha avuto diversi flirt ma al momento dovrebbe essere single.

I figli di Cavani tiferanno Napoli. Ormai Lucas e Bautista sono napoletani

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

LUCAS E BAUTISTA

Martedì per loro sarà una giornata speciale spiega la Repubblica: “Da una parte l’amore per il padre- campione, che ritorna da avversario con la maglia del Psg, e dall’altra la passione già forte per i colori del Napoli, bandiera della città in cui vivono e che li ha adottati con affettuosa discrezione, aiutandoli a crescere in un rispettoso anonimato.

Lucas e Bautista hanno iniziato i loro studi e sono stati iscritti alle rispettive scuole calcio utilizzando tranquillamente il loro cognome così speciale, senza però averne mai dovuto avvertire il peso”.

Archivi