ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Fedele: “Il Napoli con Osimhen e Gattuso arriva quinto. Nuovo Drogba? Non scherziamo!”

OSIMHEN FEDELE

Il parere di Fedele su Osimhen. L’ex agente dei fratelli cannavaro parla dell’attaccante del Lille in procinto di vestire la maglia azzurra.

FEDELE OSIMHEN NAPOLI. Victor Osimhen, dopo aver incontrato Gattuso si è diretto a Capri dove è in programma l’incontro con Aurelio De Laurentiis. Enrico Fedele, ex agente dei fratelli Cannavaro, ai microfoni di Marte Sport live ha espresso il proprio parere sull’attaccante del Lille e sul Napoli che De Laurentiis e Gattuso stanno progettando.

FEDELE SU OSIMHEN

Cosa penso di Victor Osimhen, indicato molto vicino al Napoli? Il nigeriano rientra negli acquisti prospettici, per il futuro, ma di per sé non migliora la squadra, che andrebbe invece rinforzata con gente esperta e senza bisogno di eccessivi tempi di ambientamento.

Victor Osimhen verrà preso davvero dal Napoli? Essendo già venuto in città, se non chiudessero sarebbe uno smacco da Repubblica delle Banane. Non accadrà.

La visita di Osimhen in città? “Mi dà fastidio la spettacolarizzazione, non è giusto farla. Prima si sanciscono gli accordi, poi si fanno le presentazioni“.

OSIMHEN IL NUOVO DROGBA

Fedele su Osimhen ha poi aggiunto: ” Non si può magnificare un’operazione per un giovane carissimo e che non farà la differenza. C’è chi dice che sia il nuovo Drogba e chi il nuovo Adebayor, ma scherziamo? Guardate Nicolas Pepè e Rafael: Leao erano i migliori giocatori del Lille ed hanno trovato grosse difficoltà in Italia e Inghilterra.

Il Napoli ha Dries Mertens e quindi non darà fretta ad Osimhen, lasciandogli il tempo di integrarsi al meglio? Non spendi 60 milioni per un attaccante che non fai giocare. Il Napoli deve capire cosa vuole fare da grande.

Aurelio De Laurentiis non può spendere 80 milioni per chi non ha mai giocato ad alti livelli. Con Osimhen e gli altri, spendi tanto e, anziché arrivare sesto, al massimo arrivi quinto”. Se la dimensione del Napoli è questa che vediamo oggi, non ha senso spendere 60 milioni per un attaccante che non ti fa vincere“.

Archivi