TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Coronavirus – Telefonate a raffica a Giuntoli: “Siamo preoccupati”

giuntoli telefonate coronavirus

I 14 positivi al coronavirus al Genoa fanno salire l’attenzione anche a Napoli ultima avversaria dei liguri, tante le chiamate al ds Cristiano Giuntoli.

Tra le fila del Genoa ci sono in tutto 14 tesserati, dopo Perin e Schone sono stati trovati altri 12 componenti del gruppo squadre positivi al coronavirus. Inevitabilmente è salita anche l’attenzione in casa Napoli, ultima avversaria dei liguri prima della scoperta dei casi di covid. La notizia si è diffusa nella serata di lunedì allarmando staff e giocatori. Secondo quanto riferisce Gazzetta dello Sport, il telefono di Cristiano Giuntoli è andato in tilt per le tante chiamate. 

È sera quando il telefono di Cristiano Giuntoli inizia a squillare senza sosta. A turno i giocatori del Napoli vogliono avere notizie sulle indiscrezioni che si stanno diffondendo. La positività accertata al Covid-19 di 14 tesserati del Genoa, l’avversario della scorsa domenica, ha messo in allarme l’intero ambiente napoletano. I giocatori hanno manifestato la loro preoccupazione al direttore sportivo che ha provato a rasserenare il gruppo ma l’agitazione ha coinvolto un po’ tutti, Rino Gattuso compreso.

Secondo il virologo Pregliasco il Napoli non è ancora fuori pericolo, nonostante i tamponi effettuati dopo il match col Genoa siano tutti negativi. Oggi gli azzurri si sottoporranno a nuovi test, che saranno ripetuti anche nella giornata di venerdì. La squadra si ritroverà regolarmente a Castel Volturno per preparare la sfida delicatissima con la Juventus. Certo non potrà mancare l’ansia tra calciatori e staff, dato che se qualcuno dovesse essere contagiato rischia di portare il virus anche all’interno della propria famiglia. Sarà dunque una settimana travagliata per il Napoli, che dovrà convivere con questa problematica. L’esito dei tamponi svolti oggi si conoscerà solo domani, al momento non è previsto nessun rinvio della partita con i bianconeri. Sarebbe complicato trovare un buco in un calendario già fitto.

Archivi