Calcio Napoli

Borriello ex arbitro contro Nicchi: “Ti chiudo in un pollaio, così mi ha minacciato”

Gennaro Borriello ex arbitro contro Marcello Nicchi presidente Aia. “Ti chiudo in un pollaio” questa la minaccia che mi fece.

Ama sedersi sulla poltrona” così l’ex arbitro Gennaro Borriello parla di Marcello Nicchi presidente dell’Aia ai microfoni di Radio Punto Nuovo.

Nicchi vive di protagonismo. Io non mi sono candidato, quando c’è stato Boggi ho cercato di dare una mano. Avevo un ruolo di dirigente in varie commissioni ed ero convinto di far parte di un’associazione di persone per bene e serie. Non potevo pensare, 20 anni fa quando ho smesso sul terreno di gioco, di incappare in un personaggio come Nicchi che ama sedersi sulla poltrona. Lui da lì non se ne vuole più andare, quando comunicai le mie intenzioni mi disse: “Ti chiudo in un pollaio”. Io ho le spalle grosse, ma fare certe pressioni a capi sezione inferiori, li uccide. Non ci ho più visto ed ho rinunciato ad incarichi già avendone alcuni. È ora di lasciare lo spazio a qualcun altro.

Borriello su Nicchi: ecco cosa ha fatto

Sono parole sconcertanti quelle ferite dall’ex arbitro Borriello che parla dell’attuale presidente dell’Aia. A Radio Punto Nuovo se ne fa una descrizione tutt’altro che incoraggiante, tanto che Borriello parlando di Nicchi incalza con altre rivelazioni:

Tutti quelli che non erano sulla sua stessa linea, sono stati deferiti, gli hanno ritirato la tessera. Gol annullato per fallo di mano di Manolas? Ho avuto la fortuna di preparare il mio lavoro con DVD, il VAR è iniziato lì. Fin quando era un discorso di didattica, andava benissimo, ma avendolo introdotto, si è modificato il calcio. Ci vuole un arbitro capace, con qualità e che stabilisca se è fallo di mano o meno, altrimenti non si gioca più a calcio. I calciatori sono diventati matti, non sanno cosa fare. La colpa non è dell’AIA, ma dell’IFAB.

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.