TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Lo sai da dove deriva cazziata e il suo sinonimo lisciabbusso?

Cazziata e  cazziatone!

Lingua napoletana

M’ha fatto ‘na cazziata: mi ha sgridato, me ne ha dette di tutti i colori. Papà m’ha cazziato … per aver preso la macchina; m’ha fatto nu cazziatone, una grossa cazziata, un rimprovero che non dimenticherò mai. I napoletani poi, dal sostantivo hanno coniato un verbo: il verbo cazziare. L’ia cazzià! Lo devi rimproverare. M’ha cazziato, mi ha fatto una violenta strigliata.

Cazziata (o cazziare) è un’altra parola di origine napoletana di cui si fa larghissimo uso in tutta Italia. Queste parole “da esportazione” Fanno salire il tasso di napoletanità. Attenzione a non confondere la cazziata con la cazzata che invece è un errore, una stupidaggine compiuta. Cazziata è una parola che deriva da un’altra molto volgare (cazzo); ma, come succede a molte parole derivate (ad esempio “sputtanare”), non viene percepita come una parolaccia ed anzi viene largamente usato in rapporti anche abbastanza formali.

Altri sinonimi napoletani della cazziata sono; ma fatt’ ‘na lavata ‘e capa (una lavata di testa, ma è più leggera della cazziata) oppure na mparata ‘e crianza (una lezione di buona educazione).

Un sinonimo di cazziata su cui vale la pena di approfondire è lisciabbusso. M’ha fatto ‘nu grande lisciabbusso, mi ha fatto un violento rimprovero. La parola viene dal gioco del tressette. Per quelli che non conoscono il tressette spiego che questo è un antichissimo gioco di carte nato nel Regno delle due Sicilie e codificato nelle sue regole nel 1700 da un prete napoletano, il famoso Chitarrella.

Tra le regole è previsto che ogni giocatore può segnalare al tavolo di avere alcune carte, lisciando le carte sul tavolo e bussando. Liscio e busso. Ogni bussata serve per dichiarare la carta (due bussate … ho il due). Ogni lisciata invece indica da quante scartine la carta è difesa; tre lisciate … tre scartine. Poi le regole col tempo si sono evolute e si è cominciato ad accettare la parola: quindi si poteva dire “tengo o’ tre”, oppure “busso” (una sola volta e quindi ho l’asso), oppure sto liscio ppe te (una sola volta e quindi ho una sola scartina) oppure ancora “liscio e busso”; liscio (una sola volta) e busso (una sola volta) quindi significa ho l’asso ma è poco difeso, una sola scartina!

Capisci? Ti avevo avvisato con chiarezza, ti avevo ammonito, avvertito del pericolo. Sto liscio e busso … Ho l’asso e una scartina. Tu non hai voluto ascoltare, ti sei comportato malissimo e ti meriti la mia ira, il mio rimprovero… il mio lisciabbusso.

Fonte: Amedeo colella, manule napoletano

Archivi

Bernvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.