Calcio NapoliTutto Napoli

Infortuni: il Napoli non è la peggiore, anche Granada e Real in difficoltà

Gli infortuni stanno falcidiando la rosa del Napoli, che ha anche indisponibilità causa Covid 19, ma c’è chi sta molto peggio.

In queste settimane si è aperto un dibattito sui ‘troppi’ infortuni in casa Napoli, gli ultimi in ordine di tempo è quello di Lozano ed Ospina. A preoccupare sono soprattutto le condizioni del messicano che salterà tra le 8 e le 10 partite. Il calciatore ha una distrazione di secondo grado al bicipite femorale destro e quindi servirà cautela prima di farlo rientrare in campo. Intanto per la sfida di giovedì è in dubbio pure Petagna che oggi sarà sottoposto ad una valutazione specifica.

Ma proprio in vista del match di Europa League si può notare come gli infortuni non riguardino solo il Napoli. Il Granada, avversaria degli azzurri, dovrà fare a meno di sette uomini: Luis Milla, Roberto Soldado, Luis Suarez, Angelo Montoro, Germa, Neyder Lozano e Quini. Ma più in generale gli infortuni muscolare, in una stagione in cui si gioca ogni tre giorni, stanno colpendo tutti. Solo Zinedine Zidane, allenatore del Real Madrid, si era detto preoccupato per gli 8 infortuni della sua rosa. Va sottolineato che fino ora il Napoli ha perso giocatori non solo per problemi muscolari, ma per traumi legati a contatti di gioco (vedi Osimhen e Mertens), ma anche causa Covid 19.

Infortuni Napoli: la situazione

Anche in Serie A il capitolo infortuni è molto preoccupante. Al momento il Napoli, insieme a Inter e Atalanta, sono le uniche tra le prime sette di Serie A ad aver avuto pochi infortuni muscolari, ovvero meno di dieci fino ad ora. Altre come Juventus, Lazio, Roma e Milan ne hanno avuti molti di più, tra queste i rossoneri sono quelli che hanno subito più infortuni muscolari.

NAPOLI SU GOOGLE NEWS

Su Google news tutte le notizie su Napoli, la squadra, la città e la sua storia. Segui ora

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.