Rassegna Stampa

CorSport – Napoli senza Champions League: i conti in ordine aiutano De Laurentiis. Si spendono 200 milioni tra stipendi e ammortamenti

I conti in ordine del Napoli possono assorbire un'altra mancata qualificazione alla Champions League, lo scrive Corriere dello Sport

I conti in ordine del Napoli possono assorbire un’altra mancata qualificazione alla Champions League, lo scrive Corriere dello Sport.

Il Napoli con la Juventus all’Allianz Stadium si gioca una parte di qualificazione alla Champions League. Approdare nell’Europa delle grandi significa anche portare in casa un bel gruzzolo di denaro, fondamentale soprattutto in questo momento di crisi generale. Gli stadi chiusi causa pandemia, la riduzione degli introiti ed i prezzi più bassi del calciomercato pesano su chiunque. Secondo Corriere dello Sport i conti del Napoli, però, potrebbero assorbire una eventuale mancata qualificazione in Champions League. De Laurentiis ha sempre tenuto tutto in ordine, con un budget destinato alle emergenze e questo rende la società partenopea estremamente virtuosa, con un bilancio che fa invidia anche alle altre big italiane.

Bilancio Napoli: ecco le spese

Corriere dello Sport fa un focus sui conti del Napoli e scrive: “Il Napoli può assorbire la rinuncia alla Champions. Ha una struttura di costi fissi più leggera, anche se l’incidenza sul fatturato resta alta. A cominciare dal costo della rosa: 140 milioni gli stipendi, 85 gli ammortamenti, ma il Napoli adotta un meccanismo di ammortamento decrescente che ha consentito di recuperare rapidamente gli investimenti grazie a plusvalenze importanti.
Il club ha molta cassa (123 milioni al 30 giugno scorso) e zero debiti finanziari. Può dunque assorbire meglio l’impatto della pandemia. La crisi del calciomercato avrà impatti significativi, la qualificazione sarebbe importante, ma il club pare attrezzato per parare il colpo dell’eventuale insuccesso“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.