Coronavirus NapoliTutto Napoli

Coronavirus, il sud si sta salvando. Non c’è alcuna crescita esponenziale. Ecco i dati

Il sud si sta salvando dal Coronavirus. I dati dimostrano che nelle regioni del Sud non c’è una crescita esponenziale e pericolosi focolai.

Coronavirus, il sud si sta salvando. l’analisi effettuata da meteoweb.eu dimostra come le regioni del sud Italia sono rimaste ai margini della circolazione dell’epidemia da COVID-19.
l’infezione sta invece dilagando in pianura Padana. Secondo i dati, nelle Regioni del Sud, non c’è alcuna crescita esponenziale ne’ pericolosi focolai.

CORONAVIRUS AL SUD
Coronavirus, il sud si sta salvando. Ecco i dati del meridione

Come possiamo osservare dal grafico, in alcuna Regione del Sud è in atto o c’è mai stata una crescita esponenziale del contagio. Soltanto in Campania giorno 18 s’è verificato un raddoppio dei casi positivi (da 60 a 117), ma è stato un episodio isolato, a cui è seguito nei giorni successivi un numero di gran lunga inferiore di nuovi casi.

L’unica Regione che sta mantenendo un trend di crescita lineare è la Sicilia, mentre nelle altre Regioni la crescita è a singhiozzo. Negli ultimi giorni abbiamo addirittura avuto un calo dei nuovi casi soprattutto in Calabria (giovedì +40, ieri +38, oggi +28), in Sardegna (ieri +87, oggi +37) in Puglia (ieri +103, oggi +94), in Campania (ieri +97, oggi +95) e persino in Basilicata (ieri +15, oggi +14). Insomma, non c’è quell’aumento esponenziale che invece si è verificato nelle scorse due settimane in Lombardia e nelle Regioni del Nord.

 

INFEZIONE DA COVID AL SUD

stiamo considerando un’area densamente popolata come quella del Mezzogiorno, dove abbiamo quasi 20 milioni di abitanti così suddivisi:

6 milioni in Campania, 5 milioni in Sicilia, 4 milioni in Puglia, 2 milioni in Calabria, 1 milione e mezzo in Sardegna, mezzo milione in Basilicata e 300 mila in Molise.

Facendo un rapido calcolo possiamo osservare come il rapporto tra casi positivi e residenti sia eccezionalmente basso soprattutto in Sicilia e Calabria, le due Regioni meno colpite in assoluto dall’epidemia.

  • Campania (844),
  • Puglia (675),
  • Sicilia (490),
  • Sardegna (330),
  • Calabria (235),
  • Basilicata (66) e
  • Molise (61)

Sommando tutti i dati dei casi positivi alla malattia accertati: abbiamo gli stessi casi delle sole Marche, esattamente la metà di quelli del solo Veneto, un terzo di quelli dell’Emilia Romagna e meno di un decimo di tutti quelli della sola Lombardia.

L’EPIDEMIA NON DILAGA NEL MERIDIONE

L’elemento chiave per comprendere la pericolosità di un’epidemia è il tasso netto di riproduzione, indicato con R0: è il numero medio di persone a cui un individuo infetto può trasmettere la malattia.

Se ad esempio R0 è 3, significa che in media, ogni caso creerà 3 nuovi casi. E’ un elemento fondamentale per analizzare l’epidemia perché se è maggiore di 1, probabilmente l’infezione continuerà a diffondersi. Ma se è inferiore ad 1, probabilmente si arresterà da sola.

Ebbene, nelle Regioni del Sud abbiamo un tasso netto di riproduzione inferiore a 1: questo significa che i casi accertati non sono particolarmente diffusi nella società, non c’è una circolazione del virus, ma si tratta quasi esclusivamente di persone che sono rientrate dalla Lombardia nelle scorse settimane e che si sono ammalate.

IL SUD SI STA SALVANDO DAL CORONAVIRUS

Adesso mancano i dati di oggi e domani. Due giorni in cui emergeranno i positivi che sono tornati dal Nord, gli ultimi che si erano ammalati sui Navigli o in Brianza due settimane fa.

Poi, da Martedì, inevitabilmente i numeri saranno decrescenti.  Attenzione, non zero. I nuovi casi aumenteranno ancora, ma sempre di meno.

Perché saremo a due settimane di lockdown, tutti avranno adottato le misure di prevenzione del contagio (anche il banale ma efficacissimo lavaggio delle mani).

Quindi continueranno ad emergere i sempre meno casi di persone che si sono ammalate a lockdown già iniziato.
Ovviamente il dato che aumenterà sensibilmente sarà quello dei morti: oggi registriamo i nuovi casi di ammalati nelle persone che si contagiavano due settimane fa, e inevitabilmente l’esito della malattia si avrà tra 1, 2 o 3 settimane.

Il Coronavirus richiede una lunga degenza ospedaliera, in alcuni casi superiore addirittura al mese per le guarigione, quindi anche quando diminuirà il dato dei nuovi contagiati (che è quello più importante per valutare l’andamento dell’epidemia), continuerà ad aumentare quello dei decessi perché sarà l’esito delle persone già ammalate in precedenza.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.