ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Coronavirus. Napoli, Castel Volturno blindato: Mascherine, turni per le docce e in palestra…

Napoli, Castel Volturno blindato: Mascherine, turni per le docce...
Ultimo aggiornamento:

Napoli, Castel Volturno blindato. Gli azzurri si adeguano alle norme anti-coronavirus. Mascherine, turni per le docce e in palestra si entra a gruppi.

L’Italia è paralizzata a causa dell’emergenza coronavirus, ma il Napoli si allena. S’è allenato anche ieri proprio come le altre squadre coinvolte nel discorso delle coppe europee.

Tutti presenti, a cominciare da Gattuso, e tutti puntuali nel blindatissimo centro sportivo di Castel Volturno. Provincia di Caserta: e ciò signifi­ca che i giocatori e i tesserati provenienti da Napoli stanno viaggiando muniti di autocertificazione.

Zona Rossa nella zona azzurra. Lo scenario a castel Volturno è surreale: uffici chiusi, rigorosamente, e tutti i dipendenti a casa in smart working.

Contatti vietati, in campo è impossibile; borracce personalizzate; incremento dell’apporto vitaminico; misurazioni costanti della temperatura corporea; igiene e profilassi rigorose; turni per le docce.

Annullati i pranzi di squadra e ammessa esclusivamente la colazione. Però secondo regole precise: i calciatori che decidono di consumarla in sede possono accedere in sala a gruppi di due o tre persone.

Anche in palestra si entra a gruppi ristretti, rispettando le distanze, e in sala medica e video, per massaggi e riunioni varie, si rispettano i turni e l’obbligo di indossare la mascherina.

Bene preziosissimo, in questo momento, che il Napoli ha ottenuto grazie al lavoro di De Laurentiis junior.

#RESTATEACASA

Per quel che riguarda la squadra, le condizioni complessive sono buone. Soddisfacenti: Elmas è rientrato in gruppo, Meret ha lavorato in parte con i compagni e in parte individualmente. Terapie per Maksimovic, fermo per un problema muscolare.

Il Napoli lavorerà anche oggi e poi domani si fermerà: Gattuso ha concesso un giorno libero, di pausa. Però con tanto di raccomandazioni personali e dello staff medico, inevitabili di questi tempi e valide per tutti: restate a casa. Come dice l’hashtag del momento  #RESTATEACASA.

Archivi