Calcio NapoliNAPOLI NOTIZIE

Il tabaccaio della vergogna chieda scusa anche a Napoli

Il tabaccaio Napoletano con il furto del Gratta e Vinci ha sporcato ancora una volta l'immagine di Napoli. E la stampa del nord gongola

La vicenda del gratta e vinci rubato dal tabaccaio napoletano ha fatto il giro di tutti i tg e delle testate web. Ovviamente non sono mancate le offese a Napoli e l’utilizzo indiscriminato di tutti gli stereotipi e i luoghi comuni che da anni annebbiano le menti mediocri di molti italiani. Come sempre l‘immagine di Napoli, quando accade un fatto sotto al Vesuvio, ne esce irrimediabilmente danneggiata.

Lo scrittore e giornalista Angelo Forgione sulla pagina facebook “Movimento Vanto” invita il Tabaccaio a chiedere scusa a tutti e in particolare alla città di Napoli.

L’INUTILE DIFESA DEL TABACCAIO NAPOLETANO

“C’è poco da ridere. La storia sarebbe divertente se fosse una commedia del teatro napoletano, e ci sarebbero tutti gli ingredienti: il copione surreale, la città di ambientazione e perfino i cognomi dei protagonisti, il tabaccaio Scutellaro e l’avvocato Strazzullo.
Il prode Scutellaro, appunto, si è impossessato di un biglietto vincente del “Gratta e Vinci” da 500mila euro di una (s)fortunata vecchietta ed è fuggito verso i suoi sogni.

Lo ha depositato in banca a Latina e si è fiondato a Roma, sognando di atterrare alle Canarie per godersi la svolta. Ha controdenunciato la vecchietta e le ha proposto di dividere la vincita in cambio del ritiro della denuncia, zappandosi i piedi di brutto. E ora, con il suo valente avvocato Strazzullo, prova la carta dell’incapacità di intendere e volere. Di intendere la realtà, forse, ma di voler rubare è stato capacissimo”.

tabaccaio gratta vinci napoli

IL FURTO DEL GRATTA E VINCI COME PRETESTO PER OFFENDERE NAPOLI

Forgione aggiunge: “Ora, dal carcere, il signor Scutellaro chiede scusa alla vecchietta e alla sua stessa famiglia. Ma non chiede scusa alla città intera, alla quale ha fatto fare una pessima figura. I 500mila euro dovrebbe pagarli per risarcire l’immagine di Napoli, che di questi episodi e delle barbaradursate seguenti non ha proprio bisogno.
Certo, poteva succedere ovunque, ma è accaduto proprio dove in tanti sperano che accadano episodi in cui sguazzare, perché per certi luogocomunisti Napoli è il regno della truffa. Scutellaro è stato fermato ma la gogna a cui ha esposto la Città no, e i Napoletani ne pagano lo scotto.
A raccontare i paradossi partenopei bastava il Genio di Eduardo, che un’ottantina di anni fa pensò di mettere in scena una vicenda divertente, imperniata sul rapporto tutto partenopeo dei vivi con i morti. Qui c’è poco da riflettere sull’aldilà. Esiste solo un disonesto e non certo un Napoletano. Qui c’è veramente poco da ridere”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.