Demme al Napoli, bufera sul Lipsia. La voglia di azzurro ha prevalso su tutto

demme bufera lipsia

Demme al Napoli è bufera Lipsia. I tifosi chiedono spiegazioni alla società, giornali in rivolta: “Prezzo troppo basso per un calciatore così importante”. 

 

 

Diego Demme sarà presto un calciatore del Napoli. I problemi burocratici ne ritardano l’annuncio, così come la possibilità di giocare con la Lazio. Il giocatore è arrivato già nel capoluogo partenopeo ed oggi incontrerà Gennaro Gattuso e la squadra a Castel Volturno. La trattativa per portarlo in azzurro è stata condotta a fari spenti da Cristiano Giuntoli, chiudendola in brevissimo tempo. Demme al Napoli ha scatenato una bufera sul Lipsia. Attraverso RB Live, il sito dei Red Bullen, portavoce della tifoseria tedesca si è alzato un coro di proteste: “Cessione inspiegabile. Perché dare via un giocatore così importante, mentre ci si sta giocando la Budesliga?“. Le proteste dei tifosi sono continuate anche a mezzo social, sui vari canali a disposizione. Tutti sono increduli per la partenza di Demme.

 

 

Bufera Lipsia: la stampa si scatena

La Bufera sul Lipsia per Demme al Napoli è continuata anche attraverso gli organi di stampa. Secondo il Die Welt Demme è stato ceduto al Napoli per “fare cassa“. Anche in questo caso l’operazione viene fortemente contestata a causa del prezzo pagato dal Napoli, ritenuto troppo basso. Si parla di costo “ridicolo per un giocatore 28enne titolare di una squadra che si sta giocando la Bundesliga“. Cifra irrisoria visto i “prezzi che girano sul mercato” soprattutto quello invernale. I giornali tedeschi sono convinti che il Lipsia non abbia saputo contenere la voglia del giocatore di vestire la maglia del Napoli, preoccupati anche dal fatto che il suo contratto scadeva tra un anno. Intanto De Laurentiis e Giuntoli si stanno giocando le ultime carte per rinforzare ulteriormente la rosa con l’arrivo di Stanislav Lobotka. L’ultimo ostacolo da superare è quello relativo alle modalità di pagamento, mentre l’accordo economico è stato chiuso.

Archivi