Calcio Napoli

Barillà: “La Juventus oggettivamente è messa peggio del Napoli. Allegri sapeva una cosa su Ronaldo”

Antonio Barillà ha parlato di Napoli.Juventuss partitissima della terzia giornata di serie A e svela un retroscena su Allegri e CR7

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Antonio Barillà, giornalista.

La Juventus oggettivamente è messa peggio del Napoli, ha infortuni con cui sapeva di dover fare i conti a cui si aggiunge la situazione dei sudamericani. C’è anche da valutare Chiesa, soltanto oggi si potrà capire come stanno le cose. Si parla di 8 indisponibili in una partita che per la Juve rischia di essere determinante, se non a livello di classifica almeno a livello psicologico. Allegri non ha la bacchetta magica e non c’è Ronaldo ma nessuno poteva prevedere il pareggio di Udine e la sconfitta con l’Empoli.

Ronaldo? Allegri sapeva di poterlo perdere ma non c’era nulla di previsto. C’erano state situazioni che non lasciavano trasparire volontà di prosecuzione, il silenzio durante l’Europeo è stato chiaro. La Juve aveva predisposto un piano A con Ronaldo e un piano B con una società che perdeva un riferimento fondamentale ma che avrebbe risparmiato e avrebbe impostato una squadra giovane, veloce, sfacciata. Quello che la Juventus non si aspettava è che la decisione venisse presa così in extremis, altrimenti si sarebbe organizzata meglio una successione”.

Antonio Barillà ha poi aggiunto: “Alex Sandro e Danilo potrebbero non esserci, si potrebbe immaginare in attacco un duetto offensivo senza Chiesa perché non si è ancora in grado di capire l’entità dell’infortunio. Il Napoli viene seguito con molta attenzione perché la gara è importante e arriva in un momento molto delicato perché rischia di scivolare a -8 dalla vetta.

Un campionato di assestamento era prevedibile e si fida ciecamente di Allegri però il KO con l’Empoli ha complicato tutto moltissimo. Napoli diventa un bivio importante. Gli spazi per recuperare ci sono perché è tutto astratto ma ci sono due considerazioni da fare: la Juventus prima aveva uno spessore caratteriale superiore e prima c’era una concorrenza non così diffusa e alta. Penso a Napoli, Roma, Inter e Milan, oltre che alla Lazio. Le milanesi sono tornate grandi, rimontare non sarà semplice“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.