Calcio Napoli

Ziliani tuona: “De Laurentiis devi dire basta ai continui torti patiti per mano degli arbitri”

Paolo Ziliani invita Aurelio De Laurentiis ad intervenire contro i torti degli arbitri nei confronti del Napoli

Ziliani invoca l’intervento di De Laurentiis sulla questione arbitri. Il giornalista del fatto quotidiano, ha pubblicato un messaggio su Twitter indirizzato al presidente del calcio Napoli. Ziliani lancia l’allarme sui troppi torti arbitrali subiti dal Napoli e sulla differenza di trattamento che la squadra azzurra subisce dai media nazionali.

Caro De Laurentiis presidente della Ssc Napoli, premesso che il momento no del Napoli è responsabilità di tutti, società, allenatore e giocatori, non sarebbe il caso di dire basta ai continui torti (ultimo caso: il rigore non dato ieri a MarioRui) patiti per mano degli arbitri?

Ziliani punta il dito sulle differenze di valutazione tra i club di Serie A e la Juventus per mano dei direttori di gara:

Inter-Juve, Young trattiene Cuadrado in area, Calvarese non vede, il VAR lo chiama, rigore per la Juventus.

Juve-Roma, Rabiot stende Villar in area, Orsato non vede (sic), il VAR tace, i telecronisti tacciono, rigore per la Roma non concesso.

Tutto nel giro di 5 giorni“.

Ziliani aggiunge: “Spett.le AIA , potresti per favore farci sapere quali provvedimenti prenderai a carico di Orsato che in Juventus-Roma ha permesso che Ronaldo controllasse il suo orologio? Altrimenti da oggi lo faranno tutti e sarebbe brutto: soprattutto per la tua già opacissima immagine“.

Anche i media danno il loro contributo su questa brutta situazione, il giornalista de Il Fatto quotidiano, spiega:

Foto 1: titolo del Corsport dopo il rigore negato ieri alla Roma contro la Juventus.
Foto 2: titolo del Corsport dopo il rigore negato un anno fa alla Roma contro l’Inter.
Per la serie: Italia 41^ nella classifica della libertà di stampa dietro anche a Ghana e Burkina Faso“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.