Calcio NapoliTutto Napoli

Sarri apre al Napoli: Il tecnico rifiuta tre club. Nuovo ruolo per Demme?

Maurizio Sarri apre al Napoli per la prossima stagione. Aurelio de Laurentiis lavora per riportare in azzurro il tecnico di Figline

In casa Napoli continua ad essere forte il nome di Maurizio Sarri per sostituire Gattuso in azzurro, almeno per la prossima stagione.

Aurelio De Laurentiis starebbe cercando di convincere il toscano a tornare a Napoli. Al momento Sarri ha ancora un contratto che lo lega alla Juventus, però il presidente dei partenopei potrebbe inserirsi per liberare lo stesso Sarri.

Secondo quanto rivelato dall’esperto di calciomercato di RAI sport, Ciro Venerato, l’allenatore toscano avrebbe già rifiutato tre società. Maurizio Sarri, tuttavia, avrebbe aperto al Napoli.

“Sarri non avrebbe paura di ripartire da zero e non avrebbe paura di un Napoli ridimensionato senza Champions, questi non sarebbero problemi. Inoltre tornerebbe volentieri al Napoli anche per un motivo familiare. La moglie di Sarri e il figlio di Sarri, un giorno sì e l’altro pure, gli chiedono di tornare in questa città”.

Sarri è sotto contratto ancora fino al prossimo 30 giugno con la Juventus, con un’opzione di un altro anno che non scatterebbe al pagamento di una penale da 2,5 milioni.
Maurizio Sarri potrebbe rivitalizzare il Napoli e rilanciare alcuni calciatori che con l’esperienza Gattuso hanno reso meno di quanto ci si aspettasse. I Napoletani si aspettano di poter rivedere il bel gioco di un tempo, ma Reina, Albiol, Hamsik e Jorginho, solo per citare qualcuno, ormai fanno parte del passato.

Il Napoli di oggi dispone di buoni giocatori che sotto la giuda di Sarri potrebbero crescere. Ad esempio il tecnico di Figline potrebbe pensare a Demme nel ruolo che fu dell’Italo brasiliano, anche se i, tedesco ha caratteristiche diverse, potrebbe sorprendentemente diventare il regista del Napoli che verrà.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.