L’esultanza di Mertens era uno scherzo. Ecco chi è la vittima

L'esultanza di Mertens era uno scherzo. Ecco chi è la vittima

L’esultanza di Mertens contro la Sampdoria ha ingannato tutti. Il Belga è stato protagonista di uno scherzo nel quale è caduto anche Ancelotti.



Benvenuti su scherzi a parte, Dries Mertes si è preso gioco di tutti, facendo cadere nel tranello anche Carlo Ancelotti.

Il premio per l’esultanza ingannevole va a Dries Mertens, scrive il Corriere dello sport. Il pallone sotto la maglietta è un classico per festeggiare “l’arrivo di un figlio” e quando Mertens, sull’1-0, l’ha reclamato, lo stupore s’è preso il San Paolo: starà per diventare papà.

L'esultanza di Mertens era uno scherzo. Ecco chi è la vittima

E invece no: «Dedico il gol mio amico Dolly, che ha pancia come un pallone», che sta per Antonio Maturo, il tassista che accompagna Mertens ovunque, soprattutto nelle sue serate speciali in cui, quando può, va ad off­rire pizze ai clochard.


La verità è emersa in fretta, poi tramite i social si è arricchita dei dettagli che hanno spinto Kate, la signora Mertens, a ironizzare sul marito. Il più ingannevole degli “scherzi”. Uno scugnizzo.

Altre storie
codice-etico-napoli-de-laurentiis-clausola-anti-m
Il Mattino – La Juve impari dal Napoli. De Laurentiis e la clausola antimafia. Ecco cosa accadde con Reina