Calcio Napoli

Rigore inventato per il Milan con la Roma, il verdetto di Saccani

Errore clamoroso di Maresca

Roma-Milan finisce 1-2 ma i rossoneri hanno avuto un calcio di rigore inesistente decretato dall’arbitro Maresca. Il designatore Roccchi aveva detto: “Mai più rigorini” punendo anche l’arbitro della sfida tra Napoli e Bologna, reo di aver fischiato due rigori per gli azzurri.

Il rigore inventato da Maresca in Roma-Milan è qualcosa in più di un rigorino. È un penalty inesistente. Anche tutti gli ospiti della Domenica Sportiva concordano: “Il rigore per Milan non c’è, il contatto è contestuale poi Ibanez prende il pallone“. Unica voce fuori dal coro è quella di Sebino Nela che pensa che l’arbitro Maresca non ha sbagliato. Intanto la Roma si è lamentata anche per un rigore non fischiato a Pellegrini che poteva starci.

Roma-Milan: moviola sul rigore

Anche l’ex arbitro Saccani fa sapere che il rigore fischiato da Maresca per fallo di Ibanez su Ibrahimovic è un errore. Secondo l’ex arbitro il tocco del difensore è sul pallone ed il contatto tra i due calciatori non determina un fallo da parte del difensore giallorosso.

In questo caso l’arbitro Maresca è stato richiamato anche al monitor dal Var per rivedere il rigore assegnato al Milan ma non ha cambiato idea. I rossoneri così restano al primo posto in classifica insieme con il Napoli.

Azzurri che proprio con la Roma hanno recriminato molto per un rigore non concesso su Anguissa. In quel caso il Var decise di non intervenire e quindi l’arbitro non andò nemmeno al monitor per rivedere l’episodio. Anche Bergomi a Sky si è parlato dell’errore di Marasca, con Bergomi che ha detto: “Mi avevano fatto capire che un intervento con leggero contatto come quello di Kjaer non è mai rigore. E m’avevano detto che anche quello della Juve non doveva essere fischiato. Ma poi quello al Milan lo danno. Ora di nuovo c’è confusione” .

Rigore Roma Milan

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.