Calcio NapoliClassifica senza errori arbitraliFocus

Napoli penalizzato 15 volte dagli errori arbitrali: Ecco quali sono

15 le partite del Napoli caratterizzate da sviste ed errori arbitrali che hanno messo fuori dalla lotta scudetto i partenopei

Napoli penalizzato 15 volte dagli errori arbitrali. Il Sud è nudo, senza giornali e tivvù. Il presidente federale Gravina nel commentare le decisioni di Mazzoleni in Napoli – Cagliari e Benevento – Cagliari ci ha fatto sapere anche: “La scelta di Mazzoleni al Var per entrambe è un problema tecnico che non mi pongo come domanda. Non esiste nessun complotto contro il Sud”.

Napoli penalizzato dagli errori arbitrali

Ma il presidente della FIGC pur parlando di errore tecnico evita anche di porsi domande sulla scelta di Mazzoleni per due gare consecutive del Cagliari che vede penalizzato una volta il Napoli ed un’altra il Benevento. Quasi che lotta per lo scudetto, Champions e lotta per non retrocedere siano solo dettagli da non porsi domande sulle scelte arbitrali. Il mitico Presidente Nizzola volle invece vederci bene sulle scelte arbitrali al termine del campionato 1997 – 1998 e pretese ed ottenne che fosse aperta un’inchiesta su cinque arbitri e su certe scelte. Tralasciando la stupenda notte di Pechino, sarebbe normale quindi che Mazzoleni sia al VAR del Napoli per 13 giornate e dopo l’inquietante rete regolare invalidata ad Osimhen in Napoli – Cagliari, sia poi designato al VAR di Benevento – Cagliari la settimana seguente?

Ma ritornando alla cronaca e ai fatti che contano, sono 15 le partite del Napoli caratterizzate da sviste ed errori arbitrali di ogni sorta che hanno messo fuori dalla lotta scudetto i partenopei e forse anche dalla Champions. Non solo l’ingiustificato impiego di Mazzoleni al VAR, i partenopei hanno subito negativamente le discutibili scelte di Rizzoli. Di Bello (5), Mariani (4) e Valeri (4) hanno diretto da soli 13 gare del Napoli su 35. Un’enormità se si considera che Mariani e Valeri ne hanno combinato di tutti i colori contro gli azzurri; i partenopei ci hanno rimesso tanto in sei delle 15 gare condizionate dagli errori arbitrali.

14 rigori negati al Napoli

Dopo Juventus – Fiorentina della XIV, Rizzoli non ha impiegato La Penna per cinque giornate di campionato. In cinque mesi, 22 giornate di Serie A, dal 23 dicembre 2020. Da Juventus – Fiorentina, La Penna ha diretto solo tre volte in A e non ha più rivisto la Juventus col fischietto tra le mani. Napoli è nuda, senza giornali e tv. Sono scelte che in tanti dovrebbero discuterne. E’ forse normale che Mariani, a differenza di La Penna, sia designato per ben quattro volte per le gare del Napoli e con effetti devastati per i campani in tre circostanze, nulla a che vedere a quanto addebitato a La Penna dopo Juventus – Fiorentina. E’ normale che Valeri possa dirigere il Napoli senza pagare pegno dopo averne combinato di tutti i colori con  il Milan, il Torino e la Sampdoria? Ma ecco il dettaglio e le scelte che hanno messo fuori dalla lotta scudetto il Napoli nella stagione 2020 – 2021. Sono 14 i rigori negati agli azzurri.

1)   Benevento – Napoli 1 – 2, Doveri (Valeri). V giornata. 

Il Napoli è a punteggio pieno e con una gara da recuperare quando incontra Doveri, peggio assistito da Valeri al VAR. I campani si affermano anche a Benevento ma gli errori arbitrali restano.

Al 22’ è negato un clamoroso rigore al Napoli per fallo (spinta) di Foulan ai danni di Lozano. Il fallo è evidente e invedibile. Non interviene Valeri al VAR. Lozano è davanti all’avversario e c’erano anche gli estremi dell’espulsione per la chiara occasione da rete. Fra l’altro Foulan era già stato ammonito al 9’ per la trattenuta ai danni di Lozano All’84’ è ammonito Glik per fallo su Osimhen ma sbaglia ancora Doveri, e Valeri, perché Glik era ultimo difendente.

2)  Napoli – Sassuolo 0 – 2, Mariani (Forneau). VI giornata. 

Al 49’ non espulso Locatelli per il fallaccio su Osimhen. Sbaglia Mariani ad estrarre il cartellino giallo e stupisce il mancato intervento di Fourneau al VAR. Fourneau è impeccabile invece al 57’ quando richiama Mariani al VAR per il tocco di Di Lorenzo su Raspadori in area azzurra (rigore per gli emiliani). Al 93’ si distraggono nuovamente Mariani e Fourneau. Marlon trattiene vistosamente Osimhen in area emiliana ma Mariani fa inspiegabilmente continuare l’azione che sul ribaltamento di fronte si conclude col gol del 2 a 0 di Maxime Lopes. Era invece rigore per gli azzurri ed espulsione di Marlon ma soprattutto resta grave il mancato intervento di Fourneau al VAR.

3)  Bologna – Napoli 0 – 1, Pasqua (Abisso). VII giornata. 

Al 27’ non è espulso, solo ammonito, Danilo per un’entrataccia su Lozano. Al 49’ è negato un macroscopico calcio di rigore al Napoli in seguito alla rete invalidata agli azzurri. Segna Koulibaly e Pasqua convalida, ma a questo punto interviene Abisso al VAR che richiama il direttore di gara.

Pasqua rivede l’episodio al monitor ed invalida la rete per un presunto fallo di mani di Osimhen. Osimhen tocca il pallone con la mano perché è tirato giù da Denswil ma Pasqua e Abisso non lo rilevano. La rete andava sicuramente invalidata ma era da assegnare un rigore al Napoli.

4)  Napoli – Milan 1 – 3, Valeri (Irrati). VIII giornata. 

La gara è determinata dalla mancata espulsione di Ibrahimovic, dalla farsesca espulsione di Bakayoko e dal clamoroso sgambetto di Donnarumma a Koulibaly che Valeri e Irrati lasciano passare nell’area milanese. Ibrahimovic rifila una gomitata al volto di Koulibaly e Valeri non ferma neanche il gioco e Irrati al VAR non interviene.

5)  Inter – Napoli 1 – 0, Massa (Calvarese). XII giornata. 

Il Napoli gioca alla grande, domina per tutto l’incontro ma deve arrendersi a Massa in gran forma. L’Inter vince tirando una sola volta nella porta avversaria e pure da fermo. Se restano tanti dubbi sulla posizione di Darmian in occasione del rigore assegnato ai milanesi, Massa mette sotto gli azzurri con una strabiliante conduzione disciplinare. Gli interisti picchiano duro ma è il Napoli a pagare caro i 9 falli fischiati contro, 3 cartellini gialli ed uno rosso. Ai locali i falli fischiati da Massa sono 17, il primo cartellino giunge solo al 57’ per Brozovic (fallo duro su Lozano) e fino a quel momento erano stati tutti graziati i giocatori interisti. Brozovic e Skriniar la faranno franca ripetutamente. Skriniar, che doveva essere espulso in precedenza, è ammonito solo all’85’. Incredibile la ripetuta e continuata trattenuta di Brozovic al 30’ che Massa non fischia nemmeno ai danni di Zielinski. Gli altri 4 cartellini per l’Inter giungono solo beffardamente nel finale di gara e a punteggio acquisto. Lukaku è ammonito all’80’ per fallo su Ospina e D’ambrosio all’88’ per fallo su Politano. La ciliegina sulla torta, Massa la mette al 91’ quando ammonisce Handanovic per perdita di tempo.

6)  Lazio – Napoli 2 – 0, Orsato (Mazzoleni). XIII giornata. 

Inspiegabile la mancata espulsione di Immobile al 43’ che condiziona la gara dell’Olimpico. Il fallaccio commesso su Bakayoko non consente alternative ma Orsato e Mazzoleni la pensano diversamente; solo cartellino giallo per il giocatore romano.

7)  Napoli – Spezia 1 – 2, Mariani (Banti). XVI giornata. 

Al 32’ Mariani e Banti si lasciano sfuggire la trattenuta di maglia di Terzi ai danni di Fabian Ruiz in area di rigore ligure. E’ impeccabile però Mariani al 66’ nel trasformare in calcio di rigore il volo di Pobega in area napoletana.

8) Napoli – Fiorentina 6 – 0, Chiffi (Di Bello). XVIII giornata. 

Vince il Napoli ma non eccelle Chiffi sul piano tecnico e disciplinare. Picchiano duro i toscani ma Chiffi lascia che vadano a segno i colpi, Restano impuniti Milenkovic e Sofyan Amrabat. Sull’altro fronte è straordinario Chiffi quando trasforma un fallo da rigore (Milenkovic) in un’ammonizione per simulazione a Insigne.

9) Genoa – Napoli 2 – 1, Manganiello (Di Bello). XXI giornata. 

La seconda rete ligure è viziata dal fallo di Strootman su Di Lorenzo Che Manganiello e Di Bello lasciano passare allegramente. Non espulso Badelj al 40’. Il genoano, fra l’altro già ammonito in precedenza, interviene da dietro e pericolosamente su Zielinski; inspiegabilmente, Manganiello non fischia nemmeno il fallo e Di Bello non interviene ancora una volta. Il duo arbitrale concede il tris nel finale quando si lascia sfuggire la plateale spinta di Scamacca ai danni di Mario Rui in area del Genoa.

La plateale spinta di Scamacca ai danni di Mario Rui in area del Genoa

10) Napoli – Juventus 1 – 0, Doveri (Valeri). XXII giornata. 

Manca un rigore al Napoli già al 18’per un clamoroso mani di Chiellini; lo juventino era anche da ammonire per la volontarietà del fallo. Al 30’ deve intervenire il VAR per rilevare la manata di Chiellini ai danni di Rrhamani e Doveri è costretto a concedere il rigore al Napoli, ammonendo il giocatore bianconero. Al 33’ Doveri grazia ancora Chiellini per il duro fallo da tergo su Osimhen. Al 44’ è graziato col cartellino giallo Cuadrado per il fallaccio commesso su Lozano.

11)  Sassuolo – Napoli 3 – 3, Marini (Mazzoleni). XXV giornata. 

Restano tanti i dubbi sulla rete invalidata ad Insigne. Sono discutibili i rigori assegnati agli emiliani. Passi il fallo di Hyasj su Caputo ma il fallo di Manolas su Haraslin è solo presunto. Resta invece incredibile il calcio di rigore negato al Napoli per il fallo di Ferrari su Politano; il giocatore del Sassuolo interviene anche con un braccio sul volto dell’avversario.

12) Juventus – Napoli 2 – 1, Mariani (Di Paolo). Recupero III giornata, 7 aprile 2021.  

Sono 3 i rigori negati ai campani. Passa inosservato il mani di Alex Sandro ma restano il fallo di Alex Sandro su Zielinski e la plateale trattenuta di Chiellini su Osimhen al 56’. C’è forse posizione sospetta di fuorigioco di Morata ma manca un rigore pure ai bianconeri per fallo di Lozano su Chiesa. Mariani è disastroso anche sul piano disciplinare. I 17 falli fischiati ai bianconeri valgono la semplice ammonizione di Alex Sandro; i 12 falli azzurri valgono invece 2 cartellini gialli.

Mariani se la cava con soli 13 giorni d’inattività in Serie A. Il 21 aprile sarà già al VAR di Bologna – Torino (XXXII); alla XXXIII del 25 aprile 2021 dirige Benevento – Udinese. Nel frattempo, Rizzoli l’aveva fatto sgambettare anche in Serie B il 15 aprile 2021 per Reggina – Reggiana.

13) Sampdoria – Napoli 0 – 2, Valeri (Aureliano). XXX giornata. 

Ancora un rigore negato al Napoli. Vincono i partenopei ma il fallo di Colley su Manolas resta.

14)  Napoli – Lazio 5 – 2, Di Bello (Irrati). XXXII giornata. 

Manca un altro rigore al Napoli per fallo di Marusic su Di Lorenzo. Il punteggio finale sarebbe stato sicuramente diverso se al 48’ Di Bello avesse espulso Immobile per il fallaccio commesso su Manolas; Irrati non interviene e Immobile se la cava col semplice cartellino giallo.

15) Napoli – Cagliari 1 – 1, Fabbri (Mazzoleni). XXXIV giornata. 

Freschi reduci dalle fatiche del derby della mole Fabbri e Mazzoleni sono appassionatamente ancora insieme il Napoli. Il rigore, l’ennesimo, negato al Napoli per fallo di Ceppitelli su Osimhen è un dettaglio nella partita nella quale è invalidato il gol di Osimhen, uno dei più regolari gol della storia del calcio di tutti i tempi.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.