Focus

Sfilata Italia a Roma: Stato di incoerenza, maxi assembramenti e senza mascherine

La sfilata dell'Italia Campione d'Europa mette a nudo tutti i limiti strutturali dello stato italiano

La sfilata dell’Italia campione d’Europa a Roma è il chiaro esempio di come vanno le cose in Italia. La nazione dei pezzi di carta, dove tutto deve essere in ordine, ma solo sulle carte, poi di fatto si può fare tutt’altro. Da questa mattina i tg segnalano contagi da Covid in rialzo ed un indice di contagio più alto, anche se le terapie intensive sono in diminuzione. Da più, parti, però si predica prudenza. Si continua a chiedere ai cittadini il rispetto delle regole, eppure è per primo lo Stato che non le rispetta.

Quanto accaduto lunedì a Roma è qualcosa di clamoroso. La cosiddetta trattativa Stato-Bonucci ha dell’incredibile, ancora di più se quanto scrive Il Fatto Quotidiano sull’intervento di Mario Draghi è reale. Ma che ci sia stato o meno l’intervento del Premier la sfilata resta una assurdità per tanti motivi.

Uno dei primi è sicuramente la mancanza di buon esempio proprio di Mario Draghi che si lascia fotografare in pubblico con i calciatori senza mascherina e senza alcun tipo di distanziamento sociale. Il presidente Gravina sembra quasi un pesce fuor d’acqua con quella mascherina a protezione. Poi ci sono i maxi assembramenti lungo le vie di Roma, migliaia di persona assiepate, l’una addosso all’altra senza alcun dispositivo di protezione.

Mario Draghi riceve i calciatori della Nazionale

Tutto in ordine, niente in ordine

Di fatto, sulla carta, lo stato italiano prevede ancora l’utilizzo delle mascherina, ma come sempre in Italia l’importante è che sui documenti vada tutto in ordine. Poi se nella pratica si fa altro poco importa. Questo accade per la sfilata di Roma ma per tante altre cose del nostro paese. Non va dimenticato che fu lo stesso Draghi a contestare la finale di Wembley a porte aperte. Una morale fatta a Boris Johnson che a questo punto vale come il due di picche a briscola.

Ora si vocifera anche di Campania zona gialla, con limitazioni come ad esempio il coprifuoco dalle 23 alle 5. Dopo quanto visto a Roma, non solo la sfilata, ma anche le semplici immagini del mancato distanziamento delle più alte cariche del governo, come fa lo Stato ad imporre queste limitazioni?

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.