TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Sentenza Juventus-Napoli, la reazione di Gattuso e l’ira della squadra: “Ora vinciamo contro l’Atalanta”

gattuso sentenza juve napoli

Sentenza Juventus-Napoli, Gattuso carica la squadra. A Castel Volturno bocche cucite ma c’è rabbia per quella che pare un’ingiustizia.

La sentenza su Juve-Napoli ha generato rabbia e anche un pizzico di frustrazione. I giocatori del Napoli hanno appreso della sconfitta a tavolino ieri pomeriggio, quando erano già rientrati a casa dopo il lavoro mattutino a Castel Volturno.
Il sapore è quello amaro dell’ingiustizia e la memoria è tornata a sabato 3 ottobre. A quell’allenamento di rifinitura condotto a ritmo folle dal gruppo che aveva strappato più di un sorriso soddisfatto a Rino Gattuso.

Il tecnico azzurro era convinto davvero di poter fare risultato allo Stadium nonostante le assenze dell’infortunato Insigne e dei positivi Elmas e Zielinski.
Il 3-0 in classifica ovviamente fa male, scrive il quotidiano la Repubblica, ma alla lunga battaglia giudiziaria penserà la società.

L’IMPERATIVO DI GATTUSO ALLA SQUADRA

Gattuso e i giocatori (che ieri si sono sottoposti all’ennesimo tampone: tutti negativi) hanno deciso di concentrarsi soltanto sulle partite. E all’orizzonte c’è un match di alto livello contro l’Atalanta.
Il Napoli si è compattato intorno a Gattuso, sabato al San Paolo vuole vincere, anche per mandare un messaggio forte alle concorrenti.
la sconfitta a tavolino non ha certo lasciato indifferente Gattuso, che da uomo di campo, mai avrebbe voluto saltare la sfida contro la Juventus a Torino. Dopo il verdetto ha raccomandato alla squadra di restare concentrata.
È questo, dunque, il chiodo fisso dello spogliatoio, desideroso di offrire una prestazione di livello al pubblico incollato davanti alla televisione dopo un digiuno prolungato.

La bolla di Castel Volturno ha rafforzato la convinzione sulla forza del Napoli che sembra finalmente completo in ogni reparto dopo l’arrivo di Bakayoko.
Gattuso ha lavorato tanto sul fisico ma anche sulla testa. L’armonia dello spogliatoio è un altro aspetto fondamentale per una marcia da primato in classifica.

Gli ingredienti ci sono tutti, ma il verdetto lo darà il San Paolo. L’Atalanta è avversario forte e un successo aumenterebbe l’autostima di un Napoli ansioso di mostrare il suo valore dopo il 6-0 rifilato al Genoa, ultima esibizione di una squadra che sta ritrovando automatismi ed entusiasmo.

BAKAYOKO PRONTO PER L’ATALANTA

Gattuso sta pensando ad un assetto offensivo confermando quel 4-2-3-1 che avrebbe schierato anche contro la Juventus. La svolta tattica è favorita dall’impatto positivo di Bakayoko che in queste due settimane si è già inserito al meglio negli schemi.

Lui e Fabiàn in mediana. E davanti l’inserimento di Politano che completerà il terzetto con Mertens e Lozano. Tutti per Osimhen. Il numero 9 vuole sbloccarsi realizzando la sua prima rete in serie A.
Gli sarebbe piaciuto riuscirci contro la Juventus nella sfida che vale tanto per i tifosi azzurri, ma è pronto inaugurare la sua collezione pure contro l’Atalanta. L’importante sarà cominciare.

NAPOLI SU GOOGLE NEWS

Su Google news tutte le notizie su Napoli, la squadra, la città e la sua storia. Segui ora

Archivi