Le Interviste

Pistocchi: “Rinnovo Insigne, pandemia cambia le regole. Certi stipendi saranno indecenti”

Il giornalista Maurizio Pistocchi è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo per fare il punto sul rinnovo di Lorenzo Insigne

Il giornalista Maurizio Pistocchi è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo per fare il punto sul rinnovo di Lorenzo Insigne.

Il Napoli e Lorenzo Insigne cercano l’intesa per il rinnovo di contratto. Fino ad ora la trattativa è stata bloccata dalla netta differenza sull’ingaggio che propone Aurelio De Laurentiis e quella che invece chiede l’entourage del calciatore. Insigne ha un contratto con il Napoli che scade a giugno 2022, quindi c’è ancora tempo per cercare di trovare l’accordo, anche perché per il Napoli perdere Insigne a parametro zero sarebbero veramente un brutto colpo. Il giocatore è determinante per la manovra azzurra e molti club si stanno interessando a lui, ma la volontà del capitano sarebbe quella di restare a Napoli.

Sul rinnovo di Insigne col Napoli è intervenuto anche Maurizio Pistocchi che ha detto: “Dopo questa pandemia niente sarà come prima. Credo che gli stipendi attuali sia già da ritenere top. Quando finiranno gli ammortizzatori sociali, con gente che resterà senza stipendio, pensare a gente che guadagna tutti questi soldi sarà un’indecenza. Donnarumma rinuncia ad 8 milioni? Può andare, quella è la porta. Non possiamo pensare che i calciatori impongano le loro condizioni alle società. C’è un limite. Insigne è un giocatore molto molto bravo. Prima si parlava di fantasia, la fantasia deve essere collettiva. I calciatori di qualità devono interpretare il gioco. La fantasia deve essere una risultante degli undici. Lui è un calciatore importante per il Napoli e per la Nazionale e per questo merita di essere il capitano, ma non deve esagerare con le richieste economiche. C’è un limite oltre il quale non si può andare“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.