Rassegna Stampa

CORRIERE DELLO SPORT: “Il Napoli senza di loro non esiste, Spalletti deve correre ai ripari”

L'assenza degli africani a gennaio si farà sentire

Luciano Spalletti ed il Napoli dovranno fare i conti con l’assenza dei giocatori impegnati in Coppa d’Africa: Osimhen, Anguissa e Koulibaly. Corriere dello Sport nell’edizione odierna porta alla ribalta questo tema che diventa sempre più importante, via via che passano i giorni. Il campionato di Serie A è fermo e dopo la sosta il tecnico del Napoli potrà godersi la squadra a pieno regime fino a gennaio, poi dopo dovrà salutare alcuni pezzi importanti della sua squadra. Non è un mistero che l’allenatore del Napoli punti molto su Anguissa, Osimhen e Koulibaly. Ma in Coppa d’Africa volerà anche Ounas per difendere i colori dell’Algeria. L’attaccante è stato frenato da un infortunio, ma il suo gol spettacolare con il Legia Varsavia, dimostra quanto può far bene al Napoli avere in rosa un calciatore come lui.

Anguissa, Osimhen e Koulibaly mancheranno per la Coppa d’Africa.

Coppa d’Africa: gli assenti del Napoli

Il Napoli senza Koulibaly, Anguissa e Osimhen in realtà non è mai esistito e da quando Spalletti li ha conosciuti personalmente, non se ne è mai staccato, se non dinanzi ad esigenze indiscutibili: al ‘Comandante‘, squalificato domenica, non ha mai concesso una panchina, né una sostituzione, e se non ci fosse stato il rosso dell’Arechi di Salerno, pure contro il Verona gli sarebbero toccati i 90 minuti effettivi e il recupero. Lo ha incatenato a sè, insomma e non ha rinunciato a niente. “Quando lo incrocio è bellissimo e la stessa reazione lo fa nei compagni. io non ho mai allenato un calciatore forte come Koulibaly“.

Parole e musica di Luciano Spalletti che si coccola anche Anguissa con cui  è stato “amore a prima vista“. Dalla “stretta di mano al fischio d’inizio con la Juventus, trascorsero quattro giorni e da quell’istante, solo con lo Spartak Mosca Spalletti si è ‘separato’ ma per 45 minuti dal suo centrocampista che “capito subito di cose avesse bisogno la suadra e lui gliel’ha dato: sono fisicità e contrasti, non solo tackle e sacrificio, ma anche qualità” scrive Corriere dello Sport.

Altro africano che mancherà al Napoli a gennaio è Victor Osimhen, centravanti che Spalletti ha paragonato a Weah e Van Basten. “È il figlio adottato per renderlo migliore, per moderarlo, persino ‘educarlo’ calcisticamente a sopportare le trattenute e le rovinose entrate che lasciano il segno sulle caviglie e pure nell’anima. “Victor deve ancora conoscere piccole cose, la precisione nei movimenti e la gestione negli scatti, e poi diventerà un extra bomber” ha detto Spalletti.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.