Corriere. Napoli, James si avvicina. Novità sulla presentazione

Napoli, James si avvicina. Novità sulla presentazione

Il Napoli, lavora alla presentazione di James Rodriguez. Il club pensa di farlo aggregare al gruppo a Dimaro. Il piano B: presentazione show al San Paolo.



James Rodriguez è il chiodo fisso di Ancelotti e anche della gente. Nonché un uomo copertina che in un clic catapulterà il Napoli nel mondo delle grandi stelle capaci di realizzare numeri stratosferici anche senza il pallone.

Marketing, sponsor, pubblicità, griffe etc. L’immagine è tutto per gente come James Rodriguez, e forse anche per questo, in silenzio assoluto, il club azzurro sta coltivando l’idea di portarlo a Dimaro in ritiro: sarebbe un colossale boom; un colpo di scena che neanche lo sbarco di Higuain nel 2013.
Il primo passo è chiudere l’operazione con il Real, guarda caso la medesima squadra di provenienza del Pipita, ma nel frattempo il progetto è in evoluzione.

Il padre di James spinge per il Napoli, insieme con Jorge Mendes, attivo nella doppia veste di manager del giocatore e intermediario con il Madrid. Con Florentino: che dal canto suo insiste per una cessione a titolo definitivo per una cifra inferiore ai 40 milioni. Il club azzurro preferisce un prestito oneroso a 10 milioni, con riscatto tra due anni a 27 milioni o giù di lì.


JAMES: ECCO L’IDEA DEL NAPOLI SULLA PRESENTAZIONE

Secondo l’edizione odierna del corriere dello sport,  l’ottimismo regna sovrano. Il Napoli sta carezzando l’ipotesi di portare James in ritiro tra il 22 e il 26 luglio.

Il Napoli per James ha pensato anche ad un piano-B: presentazione in grande stile al San Paolo qualche giorno dopo, prima di volare negli usa per il torneo Liga-serie A cup, nel quale gli azzurri sfideranno il Barcellona due volte tra Miami e Detroit.

Doppio incrocio James-Messi: pazzesco. I napoletani d’America sono già in fermento: proprio come quelli in arrivo a Dimaro.

false
Leggi Anche
napoli genoa contestazione
Corriere. Napoli-Genoa, i tifosi pronti alla contestazione. Azzurri sotto assedio