TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

CORRIERE – Napoli, Koulibaly e Allan verso Premier League: De Laurentiis chiede 130 milioni

Allan koulibaly

Napoli, Koulibaly e Allan  sul mercato. I due calciatori richiesti in Premier League: De Laurentiis vuole ricavare 130 milioni.

Il Napoli lavora sulle cessioni, Giuntoli è impegnato per sfoltire la rosa e diminuire il monte ingaggi. Dopo l’addio di Callejon altri due big si preparano a salutare il golfo. Koulibaly e Allan sono stati i perni principali del Napoli negli ultimi anni, ma ora le cose sono cambiate, i due giocatori, reduci da una stagione negativa saluteranno Castel Volturno diretti con molto probabilità in Premier League. De Laurentiis conta di ricavare una cifra importante dalla cessione di Allan e Koulibaly. Secondo quanto riferisce l’edizione odierna del Corriere dello Sport, il patron vorrebbe per entrambi 130 milioni di euro in totale.

Ecco quanto scrive il corriere dello Sport: “90 milioni è quanto serve per assicurarsi Koulibaly, mentre per Allan la richiesta di partenza è 40 milioni. E sullo sfondo la possibilità estremamente concreta di un doppio divorzio: la fine di un’epoca, il tramonto del sole azzurro. Ma colori simili all’orizzonte: il Manchester City è la squadra che sta provando in ogni modo a portare a casa il gigante del Senegal, mentre sul centrocampista brasiliano stanno lavorando sia l’Everton di Ancelotti sia l’Inter“.

La campagna trasferimenti è lunga, terminerà il 5ottobre e la priorità del Napoli al momento è vendere, sfoltire la rosa e abbassare il monte ingaggi rilanciando il proprio progetto con giocatori giovani e forti come dimostra proprio l’esempio Osimhen.
Ghoulam è nel mirino del Wolverhampton, per la fascia sinistra Reguilón, in prestito dal Real Madrid al Siviglia, è un’ipotesi che stuzzica la fantasia, ci sono stati dei contatti con il suo entourage, Karbownik del Legia Varsavia è una strada più semplice.
L’elenco dei partenti è lungo: al posto di Karnezis dovrebbe rientrare Contini, da sistemare ci sono anche Malcuit, Ounas, Younes e Llorente.

Archivi