Inler: “Napoli, l’amore che ho ricevuto là non l’ho trovato da nessun’altra parte.”

INLER NAPOLI

Gokhan Inler rimpiange Napoli. Il centrocampista dell’İstanbul Başakşehir manda messaggi d’amore alla città e alla squadra di Ancelotti

Il Napoli di Mazzarri è senza dubbio la squadra a cui i tifosi del Napoli sono più legati. Quel Napoli aveva un’anima e la sapeva trasmettere al pubblico.

Le sfuriate di Lavezzi, non erano corse solitarie, ma venivano spinte dallo spirito di squadra e dal pubblico che accorreva al San Paolo. I magnifici goal del Matador erano salutati da boati, secondi solo all’ormai famoso THE CHAMPIONS del San Paolo. Il Napoli di allora non era solo Cavani e Lavezzi ma si basava anche sull’intelligenza di Maggio, sulla visione di Inler, sul furore agonistico di Campagnaro. Giocatori che non ricordiamo così forti ma che per diversi motivi, per lunghi tratti di quella stagione, lo sono stati.

Gokhan Inler, uno dei protagonisti di quel Napoli, presentato con la maschera del Leone da Aurelio De Laurentiis, ha parlato a radio Kiss Kiss della sua esperienza partenopea:

INLER SU NAPOLI

“Napoli è una città bellissima. Lì sono cresciuti ed ho ancora tanti amici. L’amore che ho ricevuto là non l’ho trovato da nessun’altra parte. Ogni giorno stavo con i tifosi, mi hanno dato tantissimo. Il pubblico è molto caloroso anche qua in Turchia, ma a Napoli c’era un rapporto più intenso, che non ho più ritrovato”.