Google Stadia: giochi, cos’è e quanto costa la nuova piattaforma

Google Stadia: giochi, cos’è e quanto costa la nuova piattaforma. Tutti i segreti di quella che vuole essere un cloud gaming creato dal colosso della Silicon Valley. 

A otto mesi dall’annuncio della piattaforma di gaming è disponibile sui principali mercati. Dal 19 novembre tutti possono acquistare il controller ed il dispositivo per trasformare la propria tv in un salotto da gaming on demand.

Cos’è e quanto costa

Nelle intenzione dei suoi creatori Google Stadia ha l’obiettivo di eliminare la console dai salotti sfidando Playstation e Microsoft Xbox. Dunque si tratta di un cloud per giocare on line, acquistando i giochi da uno store o registrando un abbonamento mensile. In pratica è come ci si stesse abbonando ad un servizio on demand per usufruire di contenuti come Serie Tv e film, ma in questo caso si acquistano giochi che poi vengono elaborati nei vari server di Google sparsi in tutto il mondo. Stadia è un servizio in abbonamento, i primi che acquisteranno la ‘Founder’s edition’ pagheranno un prezzo di 129 euro che comprende il controller wi-fi ed il Chromecast Ultra, oltre a tre mesi di abbonamento.  Dopo la Founder’s edition ci sarà la Premier Edition che presenta un prezzo di abbonamento uguale, ma che ha un controller di colore diversi. Finiti i tre mesi gratuiti si pagherà un abbonamento per 9,99 euro mensili, grazie a questa sottoscrizione si potrà giocare con una risoluzione 4k per alcuni videogame. Nel 2020 è previsto un abbonamento Stadia base, senza alcun costo ma con limitazioni. [Ecco gli abbonamenti Stadia]

Giochi

Al momento del lancio Google Stadia presenza 22 titoli. Ecco la lista completa:

Assassin’s Creed Odyssey, Attack on Titan: Final Battle 2, Destiny 2: The Collection, Farming Simulator 2019, Final Fantasy XV, Football Manager 2020, Grid 2019, Gylt, Just Dance 2020, Kine, Metro Exodus, Mortal Kombat 11, NBA 2K20, Rage 2, Rise of the Tomb Raider, Red Dead Redemption 2, Samurai Shodown, Shadow of the Tomb Raider, Thumper, Tomb Raider 2013, Trials Rising, Wolfenstein: Youngblood. Per ora non ci sono ancora esclusiva ma il colosso della Silicon Valley vuole rivoluzionare il mondo dei videogiochi e c’è da scommettere che proverà a farlo in ogni modo.

La connessione

Per poter giocare con la nuova piattaforma di cloud game di Google ci sarà bisogno di una connessione minima di 10mbps, che è possibile verificare grazie ad un’apposita pagina messa a disposizione proprio dall’azienda.