Calcio Napoli

Fedele: “Insigne l’avrei già ceduto. Scudetto? Il Napoli non ha ancora affrontato le prime 6 squadre di questa classifica”

L'ex agente dei fratelli Cannavaro parla del rinnovo del capitano del Napoli

Enrico Fedele parla del rinnovo di Lorenzo Insigne e della corsa scudetto in serie A del Napoli di Luciano Spalletti.

FEDELE SUL RINNOVO DI LORENZO INSIGNE

Il rinnovo di Lorenzo Insigne con il Napoli non trova ancora una definizione. Sul caputano del napoli si sono accesi i fari della MLS  americana, ma nonostante tutto ci sono ancora spiragli per un accordo con la società partenopea.

Enrico Fedele storico manager dei fratelli Cannavaro. L’opinionista ai microfoni di Radio Marte ha parlato del caso Insigne e della corsa scudetto del Napoli:

“Rinnovo Insigne? Basta, dobbiamo smetterla di parlare di questo caso. Se Insigne fosse stato un giocatore dei miei tempi, io l’avrei già dato a un’altra squadra. Ma se De Laurentiis ha detto che gli vuole dare gli stessi soldi dopo aver detto che avrebbe tagliato non può fare marcia indietro. Se le cose vanno in un certo modo come ai miei tempi, Insigne sarebbe già in un’altra squadra. Nel calcio di una volta prima si facevano le cose poi si dicevano.

Prendere adesso in considerazione i rinnovi di Osimhen o Anguissa? Osimhen credo che abbia un contratto lungo, magari si può allungare per questioni di ammortamenti. Nel momento in cui riscatteranno Anguissa gli faranno il contratto, non ci saranno problemi”.

koulibaly, Osimhen, anguissa

Enrico Fedele ha poi aggiunto: Spalletti ha le virtù di un nocchiero antico ed esperto. La cosa principale che balza agli occhi è la verticalizzazione: tutti giocano in funzione di Osimhen. Anche alcune scelte sui calci piazzati sono state ottime, il Napoli sta dimostrando di essere molto attenti, gli analisti stanno studiando molte squadre. Di Lorenzo è un ragazzo degno di elogi ma nella fase difensiva lascia molto a desiderare, sia con l’Italia che con il Napoli, nelle chiusure preventive deve rimediare. Anche Mario Rui lo conosciamo: quando attacca e bravo, quando difende ha delle difficoltà.

Donnarumma si sapeva che non aveva accettato il Milan eppure lui è stato l’artefice del secondo posto del Milan. Dobbiamo essere maturi, il calcio è cambiato. Tutte queste tarantelle non hanno significato. Il problema non è se Insigne rinnova o se per Koulibaly offrono 90-100 milioni. Se il Napoli andrà in Champions senza vincere lo Scudetto la gente sarà contenta? Il Napoli non ha ancora affrontato le prime 6 squadre di questa classifica.
Anguissa ha dato una certa solidità difensiva, però il Napoli contro i grandi attaccanti non ha ancora giocato.

Il Napoli dipende da alcuni calciatori? No, dal carattere e dalla personalità dei giocatori. Se si guarda Spagna-Francia si nota che c’era solo un grande giocatore in campo, cioè Sergio Busquets, un direttore d’orchestra.
Insigne farà sempre il suo dovere, parliamo di un professionista serio. Non creiamo fantasmi o alibi, lui è un signor calciatore e un professionista serio. Il ragazzo è serio e può sfruttare l’opportunità. La mia sensazione comunque è che non rimanga”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.