Rigore negato a Milik. Il telecronista: “Il tocco è netto”

rigore negato milik napoli lecce

Il rigore negato a Milik in Napoli-Lecce fa discutere. Anche in telecronaca Sky, Luca Pellegrini si è sbilanciato: “Il tocco è netto, c’era fallo”.

L’arbitro Antonio Giua diventa protagonista di Napoli-Lecce. Non volendo utilizzare il Var il fischietto 31enne ha deciso di prendersi tutta la responsabilità per una scelta evidentemente sbagliata. Il rigore negato a Milik nella sfida con i salentini è apparso palese, tanto che anche durante la telecronaca di Sky il commento tecnico Luca Pellegrini ha detto: “Il tocco è netto, c’era rigore”. Un concetto che era stato espresso anche qualche minuto prima, quando a caldo gli stessi commentatori pensavano che ci fosse il fallo su Milik. Poi si pensava che dopo il richiamo del Var, l’arbitro Giua decidesse di ritornare sui suoi passi. Rivedendo le immagini il tocco sulla gamba di Milik appare ancora più evidente, ma l’arbitro di Napoli-Lecce ha deciso comunque di non affidarsi alla tecnologia.

Napoli: quindicesimo rigore non concesso

Una stagione maledetta per il Napoli che ha commesso numerosi errori da ogni punto di vista. Ma che deve fare i conti anche con la sfortuna con i 18 pali colpito (l’ultimo da Insigne proprio contro il Lecce ndr) e con quindici rigori non concessi. Il rigore negato a Milik è evidente tanto quanto quelli negati a Llorente con l’Atalanta ed il Cagliari. Oppure quello non concesso per l’affossamento di Izzo su Ghoulam. Errori marchiani degli arbitri che molto spesso hanno deciso di non affidarsi alla tecnologia. Un fattore sottolineato anche da Cristiano Giuntoli che al termine del match ha chiesto rispetto per società azzurra: “Magari l’arbitro può sbagliare ma c’è il Var, doveva andare a controllare”. Concetto rimarcato anche da Gennaro Gattuso che dopo aver criticato la sua squadra ha aggiunto: “Non capisco perché non sia andato al Var. Bastava qualche minuto e poi si poteva recuperare”.

Archivi