Napoli-Juventus probabile formazione: Di Lorenzo ancora centrale, Lobotka avanza

probabile formazione napoli-juventus

La probabile formazione di Napoli-Juventus è quasi fatta per Gennaro Gattuso che deve risolvere comunque qualche dubbio tra difesa e centrocampo. 

 

 

Nella probabile formazione del Napoli i problemi ci sono soprattutto in difesa dove l’emergenza resta, nonostante oggi Koulibaly e Maksimovic abbiano lavorato parzialmente in gruppo. Per il reparto difensivo il tecnico del Napoli deve decidere se puntare di nuovo su Di Lorenzo centrale ed Hysaj a destra, oppure mettere Luperto al centro Di Lorenzo sulla destra nel suo ruolo più naturale. La prima opzione al momento è quella più quotata. Finalmente problemi di abbondanza in mezzo al campo con Demme che si prende un posto da titolare. Allan è infortunato, Zielinski gioca titolare ed da mezz’ala destra si giocano un posto Lobotka e Fabian Ruiz. In questo momento lo slovacco sembra favorito sullo spagnolo, anche se lo stesso Gattuso ha sempre detto di far affidamento sulle qualità di Fabian Ruiz. Il centrocampista spagnolo, però, potrebbe avere un turno di riposo.

Napoli-Juventus: le scelte di Gattuso

Matteo Politano si può considerare già un calciatore del Napoli, ma Gattuso non può averlo ancora in rosa. Cosi gli attaccanti nella probabile formazione del Napoli che affronta la Juventus al San Paolo, sono praticamente già decisi. Con Dries Mertens out il tridente titolare del Napoli è formato da Callejon, Milik e Insigne. Porte chiuse per Lozano che non viene ritenuto ancora pronto per giocare dal primo minuto. Gattuso sta insistendo sul calciatore in allenamento, ma vuole portarlo ad una condizione fisica che gli permetta di scattare per tutta la partita. “Non basta che faccia trenta scatti in un match, ne deve fare cento o centoventi” ha detto più volte il tecnico. Parole che dicono tanto su quello che vuole Gattuso dai suoi calciatori: rabbia e convinzione e voglia di soffrire. Questo, per ora, non lo può garantire Lozano,calciatore messicano abituato al calcio olandese dove la tattica non è di certo la prerogativa.

 

Archivi