ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Ordinanza De Luca, Pasqua in quarantena in Campania

ordinanza pasqua de luca

Il governatore della Regione Campania ha emanato un’ordinanza che estende le misure di sicurezza fino al 14 aprile. Dunque nessuno potrà uscire.

Vincenzo De Luca ha emanato un’ordinanza in cui estende la quarantena in Campania fino al 14 aprile. “L’ordinanza entrerà in vigore dal 26 marzo 2020 e avrà effetto fino al 14 aprile 2020 su tutto il territorio regionale è prorogato il divieto di uscire dalla abitazione, ovvero residenza, domicilio o dimora nella quale ci si trovi, ai sensi e per gli effetti dell’Ordinanza del Ministro della Salute e del Ministro dell’Interno 22 marzo 2020 e del DPCM 22 marzo 2020. Sono ammessi esclusivamente spostamenti temporanei ed individuali, motivati da comprovate esigenze lavorative per le attività consentite, ovvero per situazioni di necessità o motivi di salute”.
Nella ordinanza di De Luca viene speficiato che “salvo che il fatto costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi di cui al presente provvedimento e’ punito, ai sensi dell’art.650 del codice penale, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro“.

Covid 19 in Campania: il report del 25 marzo

Intanto l’unità di crisi della Regione Campania ha fatto sapere che per il 25 marzo 2020 sono stati 110 i casi totali di covid 19 registrati in Campania. In giornata è stato dimesso il primo paziente trattato al Cotugno di Napoli con il Tocilizumab. “Questo è un segnale di attività del farmaco” fa sapere il dottor Paolo Ascierto che insieme con i team di lavoro del Pascale e del Cotugno hanno avviato la sperimentazione della cura. Per ora resta un cauto ottimismo, ma il dottor Vincenzo Montesarchio del Monaldi dice: “Segnali positivi arrivano anche da altri pazienti”.

La sperimentazione del farmaco Tocilizumab, dopo l’approvazione dell’Aifa, è stata avviata in altri ospedali in giro per l’Italia. In moltissimi casi si registrano segnali positivi come ad esempio a Modena ed altri territori del Nord colpiti più pesantemente dalla pandemia.

Archivi