Calciomercato NapoliTutto Napoli

Napoli in attesa del tesoretto: settimana decisiva, poi gli acquisti: Berge ed Emerson ancora possibili

Il club è impegnato nelle cessioni

Il calciomercato del Napoli entra nel vivo con la settimana delle cessioni che apriranno le porte a qualche acquisto. La linea di Aurelio De Laurentiis è tracciata e ci sono deroghe. Il rigore finanziario, i conti in ordine vengono prima di tutto. L’Inter con la cessione di Lukaku imminente e quella possibile di Lautaro ha fatto capire che molti club sono costretti a vendere. Certo dal Napoli con tanti soldi accumulati negli anni ci si attenderebbe altro, ma la linea societaria è questa e bisogna prenderne atto. E allora per far partire il calciomercato in entrata bisogna attendere quello in uscita.

Mercato Napoli: Berge ed Emerson Palmieri

Secondo quanto riferisce Corriere dello Sport gli obiettivi legati ad Emerson Palmieri e Berge sono ancora possibili. Il terzino del Chelsea resta il “preferito ma non il favorito” anche perché la distanza con il Chelsea è ancora molto alta. Più possibilità per Berge dato che lo Sheffield United in quella posizione ha già preso Ronaldo Viera della Sampdoria.

Ma questa  settimana per il calciomercato del Napoli sarà decisivo per le cessioni. Ciciretti ha già salutato andando al Pordenone. Ci sono in uscito Tutino, Contini, Folorunsho, Luperto, Palmiero, Zedadka e Machach da sistemare. Oltre ovviamente ad Ounas. Nelle casse del Napoli può arrivare un tesoretto da 20 milioni di euro. Soldi che possono essere reinvestiti sul mercato. Quello che avrebbe dovuto beneficiare dei 50 milioni della qualificazione Champions League, ma che a causa della sciagurata partita Napoli-Verona sono evaporati. Ecco perché molti tifosi non riescono a dimenticare quel match. Perché non ha condizionato solo la scorsa stagione, ma finisce, inevitabilmente, per condizionare anche quella attuale.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.